Dieta facile da seguire: esempio e schema

Basta super food esotici introvabili e zuppe poco pratiche per il pranzo fuori casa: un menu facile da replicare per restare in forma.

Fitness

Un esempio facilmente replicabile e uno schema semplice sono senz’altro tra le prime caratteristiche di una dieta facile da seguire. Spesso, infatti, può capitare di iniziare una dieta dimagrante e di interromperla perché poco adatta alle esigenze della propria vita quotidiana, poco pratica.

Oltre ad affrontare i morsi della fame, insomma, capita di dover combattere con cibi non reperibili o trasportabili, specialmente se si pranza in ufficio o si passa tutta la giornata fuori casa. Super food esotici e zuppe possono essere tra i motivi per cui non si riesce a portare a termine una dieta e a perdere peso.

Seguire una dieta è già abbastanza complicato, quindi lo schema dovrebbe essere semplice e l’esempio comprendere ricette e pasti facili da mettere in pratica per tutti, per adattarsi ai ritmi di oggi.

Naturalmente una dieta personalizzata, stilata insieme a un dietologo o un nutrizionista, è l’ideale per dimagrire in maniera corretta, tenendo conto di tutte le esigenze e i gusti personali e puntando su obiettivi a lungo termine e risultati duraturi. Una dieta personalizzata è d’obbligo per chi deve perdere molti chili, ma anche per chi ha problemi di salute.

Vediamo ora, a puro scopo informativo, una dieta facile da seguire con esempio e schema.

Dieta facile da seguire: schema

Lo schema per una dieta facile da seguire, ma anche equilibrata, è quello tipico della dieta mediterranea, comprende 5 pasti al giorno (per non arrivare troppo affamati al successivo) e prevede alimenti vari e di stagione.

Cosa mettere in tavola? Pane e pasta integrali nella prima parte della giornata, accompagnati da frutta e verdura, e poi proteine magre, elementi ricchi di nutrienti come gli omega 3 da trovare nella frutta secca, ancora tanta verdura fresca di stagione, per fare il pieno di vitamine e fibre.

Se carboidrati, frutta e verdura vanno mangiati tutti i giorni, le proteine possono variare, alternando carni bianche, pesce, uova, formaggi magri, legumi. Mangiate una volta a settimana la carne, una volta le uova, una volta i formaggi, due volte il pesce e due volte i legumi.

Preferite cotture semplici e condimenti come l’olio extravergine di oliva a crudo, il limone e le spezie. Durante la dieta vanno eliminati grassi e zuccheri industriali. Al bando, quindi, bibite gassate, succhi di frutta, alcol, dolci industriali, formaggi stagionati, insaccati.

Dieta facile da seguire: esempio di menu

  • Colazione. Un caffè o tè senza zucchero, una spremuta d’arancia, una fetta di pane integrale bruscato con un velo di miele o marmellata fatta in casa. In alternativa al caffè o tè abbinate fiocchi d’avena con latte scremato o vegetale, o ancora uno yogurt magro con fiocchi d’avena integrali e frutti rossi.
  • Spuntino di metà mattina. Scegliete tra un frutto, un vasetto di yogurt magro, una manciata di frutta secca, un bicchierino di gelato artigianale senza latte, un frullato con frutta e un bicchiere di latte scremato o vegetale.
  • Pranzo. Per pranzo puntate su un piatto di pasta integrale (80 grammi) con un sugo di pomodoro semplice o con verdure; su un’insalata di riso integrale con verdure; su un panino integrale con bresaola e rucola; su un’insalata di farro e orzo; su una zuppa di legumi.
  • Spuntino di metà pomeriggio. Scegliete tra un frutto, un vasetto di yogurt magro, una manciata di frutta secca, un bicchierino di gelato artigianale senza latte, un frullato con frutta e un bicchiere di latte scremato o vegetale.
  • Cena. A cena scegliete un secondo, secondo lo schema già riportato, e un contorno di verdure, accompagnato da una fetta sottile di pane integrale. Dopo il pasto, per deliziare il palato, cedete a un quadratino di cioccolato fondente, purché con cacao in percentuale superiore al 70%.

Credits foto: