Gel igienizzante mani: come sceglierlo correttamente

Un prodotto ormai fondamentale in casa, in ufficio, in borsa: tutto quello che c’è da sapere

Aggiornato il 8 giugno 2020

Il gel igienizzante mani è oggi un prodotto immancabile in casa, in ufficio, nella borsa: ma come sceglierlo correttamente e come utilizzarlo? Già da diversi anni il gel igienizzante è un alleato pratico per chi si trova fuori casa e non ha la possibilità di lavare le mani. Come funziona? Si tratta di una soluzione che si attiva senza acqua e che permette di eliminare germi, virus e batteri.

Insieme alle mascherine è diventato un compagno quotidiano dalla comparsa del Coronavirus, sebbene sia importante ricordare che il gel ha lo stesso effetto di lavarsi molto bene le mani, cosa che però fuori casa non è sempre possibile fare.

Come scegliere correttamente il gel igienizzante mani

Affinché sia veramente utile contro batteri, funghi e naturalmente virus, il gel igienizzante mani va scelto in base al contenuto percentuale di alcol. Solo i prodotti con alcol superiore al 60% nella formulazione sono davvero efficaci. Quindi è questa la prima grande indicazione di cui tenere conto.

Sugli scaffali non tutti i gel, però, riportano in etichetta questa quantità: generalmente, i prodotti catalogati come “presidi medico-chirurgici”riferiscono per legge la quantità di alcol, mentre quelli classificati come “cosmetici” possono non farlo. Non è detto, ovviamente, che se la percentuale di alcol non è riportata sia in automatico inferiore al 60%, solo non vi è alcuna certezza.

Un altro fattore di cui tenere conto quando si sceglie il gel igienizzante è il tipo di uso. Se il gel deve essere posizionato all’ingresso dell’ufficio, di un’attività commerciale oppure di casa, meglio puntare su confezioni grandi, dai 500ml in su, pratiche ed economiche. Per la borsetta, invece, meglio piccole bottiglie o salviette monouso. Per disinfettare anche superfici o mascherine riutilizzabili sono in commercio prodotti in spray.

Come utilizzare il gel igienizzante

Per essere sicuri di eliminare Covid-19, batteri e funghi, è importante anche un utilizzo corretto del gel igienizzante mani.

Il gel non è adatto a pulire le mani sporche o a rimuovere sostanze chimiche, ma va usato per detergere le mani quando non si possono lavare accuratamente con acqua e sapone.

Si applica una piccola quantità di prodotto sulla pelle asciutta, si sfregano le mani per almeno 30-40 secondi, proprio con gli stessi movimenti che abbiamo imparato a fare per lavare le mani (quindi sfregando il palmo, il dorso, le dita una per una, il polso.

Ricordate che il gel tende a seccare le mani quindi, una volta rientrati in casa, prendete viene cura con un’ottima crema specifica nutriente e idratante.

I prodotti

Sul mercato l’offerta di prodotti è davvero vasta, online, sugli scaffali dei supermercati, nelle farmacie e nelle parafarmacie.

La nostra redazione, oltre i consigli già elencati, aggiunge quello di preferire il Made in Italy.

 

  • Davines Gel del Buon Auspicio

    Davines Gel del Buon Auspicio. Gel detergente mani senza risciacquo, con alcol ad azione igienizzante. Utile e pratico in tutte le situazioni: efficace in pochi istanti, si assorbe rapidamente lasciando la pelle morbida e profumata. Prezzo: formato da 75 ml 4 euro

  • Poli alcol mask

    Poli Alcol Mask. Dalle Poli Distillerie, celebri per le loro grappe, lo spray per il riutilizzo delle mascherine. Questa soluzione idroalcolica igienizzante prodotta composta da alcool etilico neutro al 75% e aroma naturale di menta permette di sanificare e riutilizzare circa 60 mascherine protettive individuali. Prezzo: 5,90 euro per 50ml

  • Disinfect Puravir LR Wonder Fazzoletto

    Disinfect Puravir LR Wonder Fazzoletto. La linea Disinfect Puravir di LR Wonder si compone del disinfettante mani proposto in versione gel, spray e con fazzoletti usa e getta. Tutta la linea ha una percentuale di alcool all’80%. I fazzoletti monouso sono perfetti per l’uso quotidiano. Prezzo: 4,40 euro (pacco da 10 pz)

Seguici anche su Google News!

Articolo originale pubblicato il 29 maggio 2020