La notte della Taranta, tutto sull'edizione 2021 del concerto

Ospiti, polemiche e storia de La Notte della Taranta, il concerto di musica popolare salentina in onda su RaiUno nella seconda serata del 4 settembre su RaiUno. Sul palco anche Al Bano, Madame e Il Volo.

Pubblicato il 3 settembre 2021

Anche nel 2021, come da tradizione, l’ultimo sabato di agosto si è tenuta La Notte della Taranta. Si tratta di un grande evento dedicato alla musica popolare salentina, che ormai dal 1998 scandisce la fine dell’estate. Ogni edizione è affidata ad un “maestro concertatore“, che ha il compito di arrangiare brani della tradizione fondendoli con il ritmo di altri generi o culture diverse. Il concerto, che si è tenuto il 28 agosto, va in onda il 4 settembre per la prima volta su RaiUno in seconda serata, dopo essere stato trasmesso per anni in diretta sul secondo canale.

La serata, a cui hanno assistito mille persone dopo la scorsa edizione a porte chiuse a causa della pandemia, si è aperta con la Pizzica della liberazione, scritta appositamente dal maestro Enrico Melozzi dopo il difficile periodo del lockdown. Affiancati dall’Orchestra Popolare La Notte della Taranta e dall’Orchestra Notturna Clandestina, si sono esibiti anche alcuni ospiti speciali: Al Bano, Il Volo e Madame.

Grande successo per la giovane artista veneta, che ha interpretato diverse canzoni popolari, ha adattato alcuni dei suoi pezzi in chiave salentina e si è cimentata anche come ballerina di pizzica. Meno apprezzato è stato, invece, Al Bano, che ha ricevuto addirittura qualche fischio. Come riportato da Il Fatto Quotidiano, il pubblico non ha particolarmente gradito la sua performance, forse anche a causa delle continue interruzioni e del ritmo lento, dovuto alle riprese, che hanno trasformato il concerto in un set televisivo.

Il cantante di Cellino San Marco ci tiene però a smentire quanto riportato. In una lettera scritta al giornale, sostiene che la cronaca riportata sia “semplicemente un’inaccettabile bugia“. Anzi, afferma di essere stato acclamato: “Ho letto anche che si sono levati dei fischi e che la mia presenza e quella de Il Volo ha creato “malumori e mormorii” tra il pubblico: io non ho sentito né gli uni (i fischi) né gli altri (i mormorii e i malumori), ma non posso dimenticare che il pubblico ha iniziato ad urlare il mio nome, Al Bano, Al Bano”.

Seguici anche su Google News!