Pouf: tipologie e come sceglierlo

Da quello a sacco al poggiapiedi, dal pouf da letto al pratico contenitore, le proposte di design

Pubblicato il 28 gennaio 2020

Complemento a metà strada tra la poltrona e lo sgabello, il pouf è un elemento di arredo della casa originale, simpatico, che fa subito design: da quello a sacco al poggiapiedi, dal pouf da letto al pratico contenitore, ecco le tipologie sul mercato e come sceglierlo in base alle esigenze.

Si fa presto, infatti, a dire pouf! Questa seduta è davvero versatile. In tanti la utilizzano in salotto, come poggiapiedi o per avere una seduta in più in caso di ospiti numerosi. Classico posizionarlo ai piedi del letto, per preparare il pigiama o gli abiti da indossare, e con la stessa funzione questo elemento può trovare posto anche in un bagno elegante.

In lussuoso velluto, in informale rattan, è un mobile eclettico, si presta a seguire le tendenze di stagione e pronto a stupire chi saprà valorizzarlo nella composizione delle varie stanze.

Pouf: le tipologie

Colori e materiali, ma soprattutto forme e utilizzi, distinguono le varie tipologie di pouf.

Pouf sacco

Maisons du Monde Pouf a pera in simil pelliccia grigia Vancouver 79,99 euro

Il design dei pouf a sacco è ispirato alla celebre poltrona Sacco di Zanotta disegnata da Gatti, Paolini e Teodoro nel 1968 (chi non ricorda la scena in cui Fantozzi cerca di sedercisi con ben poca fortuna). Informale e conviviale, in grado di avvolgere il corpo, è una scelta sempre premiata che diventa quasi un argomento di conversazione. Maisons du Monde ne ha realizzata un’accogliente versione in simil pelliccia grigia o rosa per la stanza dei bambini.

Pouf poggiapiedi

Brandani Pouf in velluto con gambe in metallo 79 euro

La naturale prosecuzione del divano o della poltrona per un relax completo, per stendere le gambe mentre si chiacchiera, si guarda la tv, si legge un libro. Nella nostra proposta firmata Brandani trame e colori che esaltano il living. Le delicate tonalità del velluto sposano l’eleganza dell’effetto oro metal, espressione di un’atmosfera esclusiva.

Pouf letto

SÖDERHAMN IKEA Pouf 150 euro

Ai piedi del letto ci vuole un pouf ampio, utile sia per posare i vestiti che per sedersi, per esempio mentre si infilano le scarpe. Perfetto il modello lineare e essenziale SÖDERHAMN di IKEA. Disponibile in bianco, turchese, grigio  scuro, rosa pallido e beige/marrone, si abbina alla serie di divani SÖDERHAMN.

Pouf contenitore

Candy Connubia Calligari 110,98 euro (su tecnoarredo3)

Il pouf contenitore, a cubo, cilindrico o con vani e cassetti, è una perfetta soluzione salva spazio, utile come seduta e come scomparto “segreto”. Di design il pouf colorato e vivace dalle forme tondeggianti Candy Connubia di Calligaris. Intramontabile, è adatto ai diversi ambienti della casa: zona giorno, stanza dei ragazzi, zona notte.

Come sceglierlo per arredare casa

Questo elemento va scelto in base a una serie di criteri imprescindibili.

  1. Budget. Sul mercato si trovano prodotti di tutti i prezzi, da quelli più economici a quelli di design che sono dei veri capolavori, opere d’arte. Una volta impostato il budget, è possibile ragionare sugli altri criteri.
  2. Spazio. Sebbene sia un complemento che occupa uno spazio abbastanza ridotto, non essendo essenziale, potrebbe risultare ingombrante in una casa piccola. Se lo spazio a disposizione è ampio non fatevi problemi, se la stanza è piccola puntate sui modelli cilindrici, meno ingombranti. I contenitori sono perfetti per chi ha poco spazio e ne cerca sempre un po’ di più con soluzioni originali.
  3. Stile. Lo stile della casa è fondamentale per il fattore estetico e per i materiali. Sceglietelo in tessuto per una casa classica, materico come in rattan e in legno per una informale. Il pouf può essere pop, a contrasto con l’ambiente, o classico, armonioso, abbinato al divano o al letto. La scelta è potenzialmente infinita. Unico limite? Il buon gusto!
Seguici anche su Google News!

Credits foto: