Da Valentino a Roberto Cavalli, tutti i look di Lorena Cesarini a Sanremo 2022

L’attrice ha co-condotto la seconda serata del Festival accanto ad Amadeus, sensibilizzando il pubblico con un monologo sull’integrazione. Per l’occasione ha indossato cinque eleganti abiti firmati da importanti maison italiane.

Pubblicato il 3 febbraio 2022
Moda

La seconda serata del Festival di Sanremo 2022 è stata ricca di emozioni. Lorena Cesarini, volto emergente nel mondo del cinema italiano (nota per aver interpretato il ruolo di Isabel nella serie tv Suburra), ha co-condotto la diretta del 2 febbraio accanto ad Amadeus.

Per il suo debutto sul palco dell’Ariston, l’attrice italo-senegalese ha commosso il pubblico con un discorso sull’integrazione. Dopo esser stata scelta per partecipare alla 72esima edizione della kermesse, infatti, Cesarini ha sofferto a causa di alcuni commenti pubblicati sui social, relativi al colore della sua pelle:

“L’hanno chiamata solo perché è nera”; “Forse l’hanno chiamata per pulire le scale e innaffiare i fiori”.

Dopo aver letto queste parole, la 35enne ha voluto parlare di razzismo di fronte a milioni di telespettatori, per sensibilizzare la società e spingerla a fare un passo in avanti verso la “Libertà dalle frasi fatte, dai giudizi precostituiti e dagli insulti”.

Grande appassionata di moda, durante la serata ha scelto di indossare quattro abiti firmati Valentino, brand che a dicembre 2021 l’aveva scelta come testimonial per la nuova linea make up di Valentino beauty.

Il primo outfit è un raffinatissimo long dress caratterizzato da nuance nude e tessuto crêpe. Il corpetto dalla linea squadrata, caratterizzato da scollatura dritta e spalline doppie, aderisce alla sua silhouette. La gonna, invece, scivola svasata verso il basso, lasciando intravedere le décolleté platform della stessa tonalità dell’abito. Il dettaglio che fa la differenza è un ricamo scintillante composto da perle tubolari, che si estende per tutta la superficie del vestito.

Il secondo è un modello dalla linea classica, con scollatura rotonda e maniche lunghe. Sul tessuto color nude, interamente composto da paillettes luminose, spuntano dei grandi fiori rossi che donano un tocco di allegria e vivacità. Entrambi gli abiti sono stati realizzati dal direttore creativo della maison, Pierpaolo Piccioli.

Un terzo abito ha poi stupito tutti: si tratta di un vestito leggero modello lingerie, caratterizzato dal modello con schiena scoperta e dal volto di una tigre stampato sul davanti. Il vestito audace e iconico – “rubato” a Kim Kardashian, che ne indossò uno identico agli esordi della carriera da modella e personaggio televisivo – è firmato Roberto Cavalli.

Ancora un cambio look, questa volta la scelta ricade su un classico total black, nuovamente by Valentino. Il vestito monospalla drappeggiato lascia scoperti un fianco e una spalla. La linea è aderente sul top, mentre scivola più morbida verso il pavimento. Un collier di pietre multicolor spicca sul nero e le dona un po’ di luminosità.

Infine, tornano le paillettes nel quinto outfit sfoggiato da Lorena Cesarini per salutare il pubblico al termine della serata. Il vestito, disegnato ancora una volta da Pierpaolo Piccioli, è un long dress rosso brillante, con scollatura dritta e spalline sottili. Un oblò laterale lascia scoperta la pelle sul fianco sinistro. L’accessorio finale è il sorriso dell’attrice che, ancora emozionatissima, ha ringraziato tutti per averla accolta in questa esperienza.

Seguici anche su Google News!

Storia

  • Abiti e vestiti