Il proprietario della Scala dei Turchi: "La metto all'asta, la compri Elon Musk"

Il possessore legale lancia un appello all'imprenditore statunitense per le sorti del gigante di roccia bianca. La bellezza naturalistica divenuta attrazione turistica grazie ai racconti di Andrea Camilleri e ai suoi tramonti mozzafiato.

Pubblicato il 4 maggio 2022
News

Per tutti gli appassionati delle bellezze naturalistiche nostrane, ma soprattutto per i grandi imprenditori, arriva una grande notizia: la Scala dei Turchi è in vendita!

Visualizza questo post su Instagram

Un post condiviso da La Scala dei Turchi (@scaladeiturchi)

Ad annunciarlo il proprietario Ferdinando Sciabarrà ex funzionario della Camera di commercio di Agrigento ormai da un anno riconosciuto come proprietario dal tribunale agrigentino. Sciabarrà lancia un messaggio provocatorio:

“La mettiamo all’asta, facendo appello per primo a Elon Musk perché se la compri lui, la protegga e la usi al meglio. Volevo donarla alla pubblica amministrazione ma il “pubblico” è sordo. Volevamo affidarla ad un’associazione ambientalista e ci è stato impedito”.

La montagna di roccia bianca, che spunta a picco sul mare lungo la costa tra Realmonte e Porto Empedocle, è diventata nel tempo un’attrazione turistica sia per la singolarità della scogliera dalla particolare forma, sia a seguito della popolarità acquisita dai romanzi con protagonista il Commissario Montalbano scritti da Andrea Camilleri. Lo scrittore siciliano racconta, infatti, attraverso le sue parole il comune immaginario di “Vigata”, ispirandosi al territorio di Agrigento dove la Scala dei Turchi regala tramonti mozzafiato.

La preoccupazione del proprietario per il gigante di marna bianca deriva dal gran numero di turisti che ogni anno visita la bellezza naturalistica, costretti a fare i conti con la cattiva gestione e la totale assenza di sicurezza del luogo.

L’avvocato dell’ereditiere siciliano commenta:

“Musk o altri possono guadagnare in immagine. Cedendo il sito per pubblicità o altro ai grandi della moda, per esempio. Certo, non per costruirci sopra un chiosco o un albergo”.

Visualizza questo post su Instagram

Un post condiviso da La Scala dei Turchi (@scaladeiturchi)

Il futuro di questa meraviglia del mondo è dunque ancora incerto, nel frattempo ci auguriamo che negli anni possa continuare a splendere di luce propria.

Seguici anche su Google News!