Spazzola per capelli, come scegliere quella adatta

Un accessorio indispensabile del beauty case: le proposte e i modelli must have

Pubblicato il 18 maggio 2020

Si fa presto a dire spazzola per capelli: basta un giro in un negozio di forniture per parrucchieri o in profumeria per capire che ne esistono moltissimi modelli, con caratteristiche e forme diverse in base alle necessità: ma come scegliere quella adatta?

Piatte o tonde, quadrate o ovali, in legno o in plastica, con setole corte o lunghe, fitte o larghe, le opzioni sono davvero infinite e si combinano in proposte da scegliere considerando l’uso, il tipo di capello o l’effetto da ottenere.

Ci sono, però, 3 tipi di spazzola per pettinare i capelli che non dovrebbero mancare in nessun beauty case. Ecco quali sono, a cosa servono, come utilizzarle e la corretta manutenzione.

Come scegliere la spazzola per capelli

Le spazzole da usare sotto la doccia sui capelli bagnati, quelle per districare le chiome e quelle per lo styling con il phon sono tutte diverse, ma altrettanto fondamentali per la cura dei capelli.

Spazzole da usare sotto la doccia

Sebbene i capelli bagnati siano più delicati, sotto la doccia può essere necessario usare la spazzola per districarli con il balsamo e per far penetrare meglio o stendere una maschera o un trattamento. I capelli bagnati vanno sempre spazzolati partendo dalle punte e risalendo piano piano fino alle radici.

Le spazzole per i capelli bagnati devono avere denti larghi e devono essere in materiali resistenti, come silicone, plastica o legno.

La spazzola in legno di Parentesi Bio, per esempio, è antistatica, ipoallergenica e naturale. I denti arrotondati massaggiano la cute stimolando la circolazione, rafforzando il bulbo pilifero e liberando il capello dalle impurità. Prezzo 14,90 euro

Spazzola Parentesi Bio

Spazzole per districare i capelli

Le spazzole per districare e disciplinare i capelli hanno di solito denti a densità media, con una superficie più o meno ampia e un cuscinetto per ammortizzare il lavoro delle setole.

Si può trovare in plastica o in fibre naturali. Quella piatta e squadrata è ideale per i capelli lisci, mentre per quelli tendenti al crespo meglio preferire modelli naturali o in con ioni attivi.

La Aveda wooden paddle brush è professionale, caratterizzata da setole allungate che stimolano e massaggiano il cuoio capelluto riducendo lo stress. Prezzo 29,00 euro

Aveda wooden paddle brush

Spazzole per lo styling

Le spazzole per lo styling hanno tutte denti molto sottili e fitti, un manico che si distingue per l’impugnatura pratica ed ergonomica, diametri diversi in base all’effetto desiderato.

Le più diffuse sono le spazzole rotonde, tonde o rotanti, di forma cilindrica, da usare con il phon per realizzare la piega. Esistono, tuttavia, anche altri modelli, come quelli a coda da cotonatura, con punta per tracciare righe e separare le ciocche e denti fittissimi.

La nostra scelta è caduta sul modello Volume 2.5 di T3, rotonda dal diametro di 64 mm. Qui la tecnologia dà il meglio di sé. La combinazione di alluminio e ceramica della canna, infatti, trattiene il calore per modellare e mettere in piega i capelli, mentre il corpo ventilato permette all’aria di fluire liberamente. Il risultato è un capello  con corpo, volume e lucentezza “cinematografica”. Disponibile anche con diametro da 51 mm e 76 mm. Prezzo 35 euro

Volume 2.5 T3
Seguici anche su Google News!

Storia

  • Prodotti per capelli

Credits foto: