Durante l’allattamento è importante mantenere una dieta sana ed equilibrata. Secondo i medici, infatti, non è necessario escludere cibi particolari, perché alla nascita il bambino conosce già gli odori e i sapori di ciò che la allora futura mamma era abituata a mangiare nell’ultimo trimestre di gravidanza ed è importante per lui riprendere quelle abitudini.

L’alimentazione deve fondamentalmente rispecchiare quindi un normale regime alimentare equilibrato, ricco di verdura e frutta, ma in cui siano presenti tutti i nutrienti nelle giuste proporzioni.

L’alcol va evitato o assunto con molta moderazione, perché passa nel latte ed ha effetti negativi sul sistema nervoso del bambino, rendendolo sedato e meno interattivo con l’ambiente. Nel caso in cui la mamma abbia assunto 1-2 unità alcoliche, deve aspettare almeno 2-3 ore prima di allattare. In ogni caso, non consumare bevande alcoliche durante l’allattamento è la scelta più sicura per la salute del neonato. Inoltre, è meglio evitare il fumo, che può ridurre la produzione di latte e aumentare nel bambino il rischio di malattie respiratorie.

Alla luce di questo, vediamo quali sono i 10 cibi che fanno bene durante l’allattamento.

  1. Particolare risalto viene dato al consumo di pesce che, in quanto ricco di DHA, risulta particolarmente utile nello sviluppo del sistema nervoso del neonato. Diversi studi hanno infatti dimostrato come ci sia una correlazione fra l’assunzione degli acidi grassi Omega 3 contenuti nel pesce e lo sviluppo delle cellule nervose nel cervello del neonato.
  2. Molto importante è il consumo di latte e latticini, anche se in realtà sono sospettati di essere causa di coliche; in questo caso il consiglio migliore è valutare con il proprio pediatra come procedere per evitare sofferenze al neonato ed eccessive perdite di calcio alla mamma.
  3. Non possono mancare i carboidrati complessi (presenti nella pasta, nel pane e nel riso), fonte di energia per il nostro corpo.
  4. Consigliato anche il consumo di oli vegetali (olio d’oliva, di girasole e di mais), perché forniscono gli utilissimi acidi grassi essenziali.
  5. Importante e vivamente consigliato anche il consumo di verdura e di frutta, meglio se fresche e si stagione, per garantire il giusto apporto di vitamine, sali minerali e fibre alimentari.
  6. I finocchi sono tra le verdure più indicate nell’allattamento per il loro contenuto di fitoestrogeni, sorta di ormoni vegetali che esercitano un’attività equilibratrice sul sistema ormonale femminile, cui si deve la capacità di questa verdura di assecondare al meglio le esigenze dell’organismo materno dopo il parto. Inoltre, mangiando finocchio, il latte acquisisce un sapore leggermente dolce che può renderlo ancora più gradito.
  7. In generale è bene assumere tanti liquidi, anche sotto forma di brodi, minestre, tisane, spremute e succhi.
  8. Grazie al suo contenuto di vitamina E, il germe di grano esercita un importante effetto contrastando efficacemente l’azione dei radicali liberi. Per lo stesso motivo, riesce inoltre a proteggere dall’ossidazione altri importanti componenti del latte, come la vitamina A e gli acidi grassi polinsaturi.
  9. Via libera alla la carne, soprattutto bianca, un paio di volte alla settimana purché sia sempre ben cotta.
  10. Le uova sono molto indicate, durante l’allattamento, ma è meglio non superare la dose massima di due volte alla settimana.