Stavate insieme da diverso tempo ma lui all’improvviso vi ha chiesto una pausa di riflessione? Non è il caso di andare nel panico e di pensare che tra di voi sia tutto finito.

Capita a volte che una pausa di riflessione sia necessaria e rappresenti un modo maturo per tornare insieme con più consapevolezza e, perché no, più innamorati di prima.

Il segreto però sta nel vivere al meglio il momento e considerare questa fase di distacco come un’opportunità e non una trappola.

Ecco allora alcuni consigli per gestire al meglio la pausa di riflessione.

  • Riflettete davvero. Si chiama pausa di riflessione proprio perché deve permettere a entrambi di riflettere sulla vostra storia, su quello che non funzionava ma anche sulle cose belle che forse non siete pronti a perdere o lasciare andare.
  • Non stategli addosso. Se a chiedervi la pausa è stato lui, rispettate la sua posizione e soprattutto il suo distacco. Vietato quindi fargli mille telefonate, appostarsi sotto casa per un ennesimo confronto o, peggio ancora, fargli una scenata di gelosia.
  • Evitare di vedersi con altri. Frequentare altre persone durante la vostra pausa di riflessione può essere un gesto poco rispettoso e soprattutto controproducente. Potrebbe spingervi a prendere la decisione sbagliata e a lasciarvi nel peggiore dei modi.
  • Recuperate il tempo per voi. Approfittate del momento per riprendere tutte quelle cose che vi piaceva fare ma che avevate messo un po’ da parte per stare con lui. Organizzate un week-end di relax con le amiche, iscrivetevi a un corso, tornate in palestra: vi servirà ad allentare la tensione. Ma anche a vedere le cose più lucidamente.
  • Riflettete sui vostri obiettivi. Prendete in mano la vostra vita riflettendo su quelli che sono i vostri obiettivi principali: carriera, famiglia, sogni nel cassetto. Pensateci a fondo e cercate di capire se lui è davvero compatibile con quello che cercate. Potreste anche arrivare alla conclusione che in fondo lasciarvi è la soluzione migliore.
  • Lasciate da parte il rancore. Cercate di non vedere la pausa che lui vi ha chiesto come un torto subito che merita una vendetta. La rabbia e il rancore sarebbero pessimi consiglieri.