Fare ginnastica aiuta a combattere il mal di schiena. Purtroppo questo è un disturbo che colpisce una persona su due e le cause possono essere molteplici, vediamo come cercare di prevenirlo con le sane abitudini quotidiane e come combatterlo con gli esercizi più adatti.

Tra le prime cause del mal di schiena c’è una postura scorretta, ecco perché un po’ di ginnastica posturale può alleviare il problema e addirittura prevenirlo. Se trascorrete molte ore davanti al computer per esempio cercate di mantenere la schiena il più dritta possibile.

Se poi il lavoro vi costringe a passare molte ore sedute, cercate di alzarvi ogni tanto e cambiare le posizioni. A tavola un semplice trucco per mantenere la postura corretta è quello di non incrociare le gambe mentre in macchina occorre posizionare lo schienale leggermente inclinato indietro per ridurre la pressione sulle vertebre.

Questi sono degli utili suggerimenti per la vita di tutti i giorni, ma è con la ginnastica che si può risolvere il problema del mal di schiena, vediamo come. Il primo esercizio serve a rinforzare la muscolatura per meglio sostenere la colonna vertebrale: sedute su una sedia, schiena dritta e glutei ben appoggiati, allungare la schiena il più possibile tenendo le mani sulle ginocchia e concentrandosi sul respiro che deve essere molto profondo.

Il secondo esercizio è utile per rinforzare la zona lombare. Distese di lato su un tappeto, appoggiate il gomito a terra e sollevate i fianchi tenendo le gambe unite. Allungatevi il più possibile mantenendo la posizione per 10 secondi e concentrandovi sul respiro con la pancia in dentro e perineo contratto. Poi cambiare lato e ripetere.

Terzo esercizio, utile a distendere la schiena. Distese con le braccia lungo il corpo, ginocchia piegate e gambe leggermente aperte. Alzate i glutei contraendo il perineo. Tornate alla posizione iniziale arrotolando la schiena.

Il quarto esercizio serve ad allungare la schiena. Carponi, portate un piede tra le mani mentre stendete l’altra gamba indietro. Cercate di tirare il tallone della gamba verso il basso, schiena dritta e testa rivolta verso il pavimento. Rimanete nella posizione per 3 cicli di respiro, poi cambiate gamba.

Il quinto esercizio è adatto a chi soffre di lordosi ovvero ha la tendenza a stare con il sedere all’infuori e la pancia in avanti con ripercussioni sulla parte finale della colonna vertebrale. Sedute, gambe incrociate e mani vicino ai glutei. Inarcate la parte superiore della schiena avvicinando i gomiti ma senza stringere le spalle. Tornate nella posizione di partenza, posate le mani sulle ginocchia e incurvate la schiena portando le spalle in avanti. Tenete questa posizione per 5 cicli di respiro.

Sesto esercizio: per far riposare le vertebre lombari tese dopo una giornata faticosa. Accovacciate, glutei e schiena ben appoggiati contro il muro, abbracciate le ginocchia, piedi paralleli. Tenete la posizione per qualche minuto.

Settimo esercizio: per stirare la nuca. Da sedute con gli avambracci piegati sul tavolo, appoggiate la fronte sul bordo e spingete la sedia indietro stirando i glutei e raddrizzando la parte alta della schiena. Ottavo esercizio: automassaggio alla schiena. Schiena ben appoggiata contro il muro, piedi in avanti di 50 cm e gambe tese. Questa posizione è già utile a distendere la schiena, per amplificare l’effetto fate passare un mini-pallone da calcio dietro di voi e massaggiatevi le scapole i reni e l’osso sacro, scendendo e risalendo lungo la parete.

Fonte: melarossa.