Grazie ai professionisti della clinica Mangiagalli di Milano è stato possibile far nascere due gemelli a distanza di un mese l’uno dall’altro. Il primo è venuto al mondo il 18 marzo 2011 a ventiquattro settimane di gestazione, mentre il fratellino solo il 18 aprile, esattamente trenta giorni dopo.

Si tratta di un evento straordinario che ha avuto come protagonista una donna quarantunenne di Ponte Lambro, che ha messo al mondo il primo dei due gemelli al quinto mese di gravidanza. Il parto è avvenuto in modo naturale, tuttavia anche se i medici non hanno potuto evitare che il piccolo nascesse in condizioni così premature, sono comunque riusciti a trattenere il secondo bimbo nel ventre materno per un mese in più.

Galleria di immagini: Il cuore dei neonati

Questo è stato possibile grazie alle speciali cure antibiotiche e ai farmaci utilizzati per bloccare le contrazioni. La nascita a distanza di quattro settimane, inoltre, è potuta accadere perché i due gemelli si trovavano in sacche amniotiche separate, e il taglio del cordone ombelicale del primo non ha compromesso la situazione del secondo.

Entrambi i neonati, Gregorio e Leonardo, sono nati sottopeso e se il secondo pesa ora circa 650 grammi, il primo ha attualmente superato il chilo. Al momento si trovano in terapia intensiva presso la struttura ospedaliera milanese, ma non sono più in pericolo di vita.

Per capire la singolarità dell’evento basta pensare alla percentuale di non sopravvivenza del feto alla ventiquattresima settimana di gravidanza, pari all’80 per cento. I casi di parti gemellari prematuri, tuttavia, non sono affatto rari quando si parla di gravidanze rese possibili grazie a terapie di fecondazione assistita.