Decreto Aiuti: ampliato il bonus da 200€ anche ad autonomi e stagionali

L'erogazione dell'aiuto da prima stesura era prevista solo per disoccupati, dipendenti e pensionati che percepissero meno di 35mila euro all'anno. Con il suo aggiornamento, si allarga la fetta di popolazione che può richiederlo.

Pubblicato il 6 maggio 2022

Al decreto Aiuti deliberato dal governo sono state apportate delle modifiche, tra cui quella che prevede l’ampliamento del bonus da 200€ introdotto per alleviare le difficoltà delle famiglie alle prese con i rincari dei prezzi.

Il bonus da 200€ era inizialmente previsto solo per dipendenti, pensionati e disoccupati che avessero un reddito minore di 35mila euro l’anno. Con le nuove disposizioni, il bonus si estende anche a chi percepisce il reddito di cittadinanza, ai lavoratori stagionali, agli autonomi e ai collaboratori domestici, esclusi nella prima stesura. L’erogazione sarà una tantum, e la prima è prevista per il mese di luglio.

Per i pensionati e i dipendenti, i 200€ saranno aggiunti automaticamente alla pensione o alla busta paga di luglio. Per le altre categorie menzionate, sono ancora da stabilire le modalità per richiedere il bonus. Intanto, per aiutare le famiglie è stato introdotto anche il taglio previsto per il 2022 dello 0,8% dell’aliquota previdenziale sui dipendenti pubblici che hanno una retribuzione sotto la soglia sempre di 35mila euro.

Al bonus da 200€ si sommano altri provvedimenti, quali il buono per i trasporti pubblici, il Superbonus 110%, il bonus bollette, quello facciate, ristrutturazione, idrico, mobili, verde, affitto, prima casa under 36, Internet veloce, asilo nido e psicologo. Quest’ultimo può essere usato per coprire le spese relative alle sedute di psicoterapia per condizioni di ansia, depressione o fragilità psicologica; il suo importo è calcolato in base all’Isee.

Seguici anche su Google News!