Inés dell’anima mia: chi è Eduardo Noriega Gómez, l'attore che interpreta Pedro

Nato a Santander, è famoso per i suoi ruoli in Apri gli occhi, dove ha recitato con Penélope Cruz, e ne La bella e la bestia. La fiction sulla conquistatrice spagnola è in onda su Canale 5 a partire dal 30 luglio.

Pubblicato il 13 agosto 2021
Spettacolo

Sguardo intenso e sorriso smagliante Eduardo Noriega Gómez sta conquistando sempre di più il pubblico italiano, grazie alla sua interpretazione di Pedro de Valdiva in Inés dell’anima mia. La serie spagnola, tratta dal romanzo storico di Isabel Allende dedicato a Inés de Suárez, unica donna spagnola arrivata alla conquista del Cile, è in onda su Canale 5 in prima serata a partire dal 30 luglio 2021.

Eduardo Noriega è nato a Santander, nella Cantabria, il 1º agosto del 1973, da padre messicano e madre spagnola. Fina da piccolo ha mostrato una propensione verso la musica e la recitazione e si è dedicato per anni allo studio del pianoforte. Ha debuttato nel 1995 nel film interpretato da Jordi Mollà Historias del Kronen e nel cortometraggio Luna di Amenábar. È proprio con il thriller di Alejandro Amenábar, Tesis, del 1996, che ha raggiunto il successo, consolidato poi dal suo ruolo come protagonista in Apri gli occhi con Penélope Cruz, grazie al quale ha ricevuto una nomination ai Goya.

Tra i suoi lavori principali troviamo H-Helena, Che Guevara, Il destino di un guerriero (Alatriste), Transsiberian, Prospettive di un delitto (Vantage Point), Blackthorn, Una pistola en cada mano, The Last Stand – llultima sida (The Last Stand), SweetwaterDolce vendetta (Sweetwater), La bella e la bestia (La belle & la bate), l nostri amanti (Nuestros amantes), Perfectos desconoc/dos, e tanti altri.

Per quanto riguarda la sua vita privata, l’attore ha avuto una relazione, durata due anni, con Ana Alvarez, attrice conosciuta sul set di CHA CHA CHA; al momento è sposato con una donna che non fa parte del mondo dello spettacolo: Trinidad Oteros. Molto amante della musica, Eduardo adora i Led Zeppelin e i Rolling Stone.

Seguici anche su Google News!