Rolling Stones, chi è Steve Jordan che sostituirà momentaneamente Charlie Watts

Il batterista, nella band dal 1963, ha fatto sapere di non poter prendere parte al No Filter Tour negli States a causa di alcuni problemi di salute. Al suo posto ci sarà un amico.

Pubblicato il 5 agosto 2021
News

Charlie Watts, batterista dei Rolling Stones, non parteciperà ai prossimi concerti con la band. A sostituirlo nel No Filter Tour, sarà Steve Jordan, già noto per aver suonato con i Blues Brothers, John Mayer ed Eric Clapton. Ad annunciare questo cambio è stato proprio Watts – nel gruppo guidato da Mick Jagger dal 1963 –, che ha fatto sapere di aver avuto recentemente alcuni problemi di salute e che ora ha bisogno di riposarsi.

Sto lavorando duramente per essere completamente in forma, ma ora devo accettare, su consiglio degli esperti, che ci vorrà del tempo. Dopo tutte le delusioni che hanno avuto i fan dei Rolling Stones a causa del Covid, non voglio che debbano pure accettare un ulteriore rinvio. Ho quindi chiesto al mio grande amico Steve Jordan di sostituirmi”, ha detto in una nota ripresa poi dall’agenzia Reuters.

Steve Jordan è nato nel Bronx, a New York, il 14 gennaio del 1957. Si è diplomato alla Fiorello H. LaGuardia High School of Music & Art and Performing Arts della città natia e, appena adolescente, ha avuto l’occasione di suonare per la prima volta con la band di Stevie Wonder. Alla fine degli Anni ’70 ha preso parte al tour con John Belushi e Dan Aykroyd dei Blues Brothers.

Jordan non è un volto sconosciuto alla famiglia dei Rolling Stones: collaborò con Keith Richards negli X-Pensive Winos, il gruppo che il chitarrista formò alla fine degli Anni ’80 – di cui facevano parte anche il chitarrista Waddy Wachtel, il sassofonista Bobby Keys, il tastierista Ivan Neville e il bassista Charley Drayton – e insieme registrarono il disco di debutto di Richards, Talk is cheap, prodotto nel 1988. Steve, inoltre, è anche compositore e produttore discografico e ha accompagnato il chitarrista Eric Clapton come turnista.

Seguici anche su Google News!