Nicole Kidman è Lucille Ball. Chi è e perché senza lei non esisterebbe Star Trek

Fondatrice insieme al marito della Desilu Productions, fu anche attrice, comica, cantante e modella. Dopo il successo della nota sitcom Lucy ed io, decise di puntare su un progetto che sarebbe poi diventato la serie tv cult che conosciamo.

Pubblicato il 20 dicembre 2021
Spettacolo

Non ha primeggiato nel corso della sua carriera d’attrice come avrebbe meritato ma Lucille Ball ha comunque dimostrato tutta la sua brillantezza nel percorso intrapreso come produttrice cinematografica e televisiva. A celebrare la sua storia arriva su Amazon Prime Video il 21 dicembre Being the Ricardos, pellicola che racconta il dietro le quinte della sit-com storica Lucy e io, di cui Ball è stata protagonista insieme al marito Desi Arnaz.

Ad interpretare l’attrice (nonché comica, cantante e modella) nel film è Nicole Kidman, che insieme a Javier Bardem è protagonista della pellicola scritta e diretta dal regista Aaron Sorkin, noto per Il processo ai Chicago 7, o serie come West Wing e The Newsroom. “Lucille Ball è stata una pioniera. Dirigeva uno studio, il Desilu, quando nessuna donna lo faceva. Non sapevo molto di lei oltre al celebre show, Lucy ed io. Grazie a Aaron Sorkin mi sono innamorata di lei e delle dinamiche della coppia che formava con il marito Desi Arnaz“, ha spiegato Nicole Kidman.

Il regista si concentra su una settimana cruciale per la vita privata e lavorativa della coppia Ball-Arnaz, fondatori della Desilu Productions e inventori e interpreti di I Love Lucy (in italiano Lucy ed io). Lucille Ball, infatti, che era da tempo entrata nel mirino del governo perché sospettata di avere simpatie comuniste in pieno periodo maccartista, in quei giorni era stata inserita ufficialmente nella Lista Nera di Hollywood. Ovvero, una lista dei personaggi accusati di convergenze ideologiche con i bolscevichi.

Un aspetto finora rimasto sconosciuto ai più, inoltre, è il ruolo fondamentale che Ball ha rivestito nel rendere Star Trek quel prodotto cult e generazionale che è poi diventato con il tempo. Infatti, quando era a capo della Desilu, le venne proposto un progetto denominato A Wagon Train to the Stars (Carovana verso le stelle), sul quale lei decise di investire, nonostante l’insuccesso del pilot andato in onda sulla NBC con il nome di The Cage. 

La produttrice non si scoraggiò e fece un nuovo tentativo dal quale poi sarebbe nata la prima stagione della saga, Star TrekWhere No Man Has Gone Before, in Italia Oltre la galassia. L’episodio, è stato riportato recentemente alla luce da un documentario  in dieci puntate, The Center Seat: 55 years of Star Trek – inedito in Italia-, andato in onda su History Channel.

 

Seguici anche su Google News!