I Måneskin conquistano anche gli EMAs: è la prima volta per l'Italia

Il successo della band romana non si ferma: hanno vinto il premio di MTV come miglior rock band. "Quest'anno bisogna essere fieri dei successi del nostro Paese. Peccato per i diritti civili", ha commentato Damiano.

Pubblicato il 15 novembre 2021
News

I Måneskin trionfano ancora. Nella serata del 14 novembre, alla Papp László Sportaréna di Budapest, la band romana si è aggiudicata l’EMA (European Music Award) nella categoria Best Rock. È la prima volta in assoluto che un cantante o un gruppo italiano porta a casa questo riconoscimento internazionale, ideato e organizzato da MTV. A quanto pare, da quella vittoria al Festival di Sanremo i quattro ragazzi romani non ne sbagliano una.

Siamo molto felici che il nostro messaggio sia uscito dalla nicchia e sia arrivato a tantissime persone. Il bello della musica e del nostro lavoro è riuscire a coinvolgere il pubblico e creare una corrispondenza a con lui“, hanno commentato durante la premiazione. I Måneskin hanno infiammato il palco degli EMAs con una performance sulle note di Mammamia, il loro ultimo successo, e hanno sbaragliato una concorrenza di tutto rispetto: tra i candidati al premio c’erano infatti i Coldplay, i Foo Fighters, gli Imagine Dragons, i Kings of Leon e i Killers. Appena dopo aver ricevuto il premio, Damiano, il frontman, ha parlato di tutti i grandi successi che l’Italia ha ottenuto nel 2021:

“Quest’anno, in particolare, bisogna andare fieri del nostro Paese per i risultati raggiunti non solo da noi ma da tanti sportivi e personalità della cultura. Peccato per i diritti civili, dove continuiamo a rimanere indietro e invece per noi sarebbe stata la vittoria più importante”.

Un chiaro riferimento, quello del cantante, all’affossamento del ddl Zan da parte del Parlamento italiano. E un messaggio che diventa ancora più forte se si considera che l’evento di MTV è stato organizzato in Ungheria, dove il presidente Victor Orban continua a promuovere leggi che limitano sempre di più i diritti della comunità LGBTQ+, tanto da essere sotto osservazione della comunità internazionale.

Questa vittoria, comunque, va ad aggiungersi all’enorme quantità di successi raggiunti dai Måneskin nel corso di meno di un anno. Dall’inizio del 2021, infatti, Damiano, Victoria, Ethan e Thomas hanno conquistato il Festival di Sanremo, l’Eurovision Song Contest, per poi scalare le classifiche italiane e internazionali, arrivando in vetta alla Top 200 Global di Spotify con Beggin’. E non è finita qui: in pochi mesi hanno raggiunto l’America, dove sono stati ospiti di show famosi in tutto il mondo come quello di Jimmy Fallon e di Ellen DeGeneres, e dove hanno aperto il concerto dei Rolling Stones, dopo aver suonato a New York e a Los Angeles.

“L’America é sempre stato “l’obbiettivo” da raggiungere per chi fa il nostro mestiere. Siamo felici di come quel Paese stia ripagando il nostro lavoro. Questi mesi sono stati una cavalcata folle che è andata oltre qualsiasi sogno. Il debutto americano, gli show televisivi dove una volta vedevamo i nostri eroi. E aprire gli Stones? Dai, è una roba folle. Abbiamo sempre creduto in noi stessi, ma questo è qualcosa di surreale”,

hanno commentato i Måneskin dopo la vittoria agli EMAs.

Seguici anche su Google News!