https://mymetrix.comscore.com/app/report.aspx

Maria Grazia Cucinotta vittima di un malore a teatro

L'attrice sarebbe dovuta salire sul palco come attrice protagonista della commedia teatrale Figlie di Eva.

Pubblicato il 12 febbraio 2020

Momenti di tensione per Maria Grazia Cucinotta, impegnata sul palcoscenico in uno spettacolo teatrale tutto al femminile. Quella che doveva essere una normale serata di lavoro si è trasformata in un attimo di grande preoccupazione, a causa di un malore improvviso.

L’attrice si trovava infatti a Castellammare di Stabia, in provincia di Napoli, ospite presso il Teatro Supercinema, dove avrebbe dovuto recitare nella commedia Figlie di Eva. Dopo aver avvertito le colleghe e il regista di non sentirsi bene si è comunque ritirata in camerino per cambiarsi e fare le ultime prove, pensando potesse trattarsi di un momentaneo calo di pressione.

Le compagne infatti ne avevano notato l’estremo pallore e l’aria stravolta, nonostante l’attrice avesse rassicurato tutti affermando di poter andare in scena e di essere in grado di sostenere la fatica della serata, che sarebbe dovuta iniziare alle 21.

Quando però è arrivato il momento del primo cambio di costumi Maria Grazia Cucinotta si è sentita male, accusando un malore che ha reso praticamente impossibile reggersi in piedi; è stato a questo punto che lo staff ha dovuto richiedere l’intervento di un medico, che per precauzione ha deciso di chiamare un’ambulanza.

Le condizioni dell’attrice non sembrano affatto gravi, per quanto siano stati richiesti degli accertamenti del caso presso l’ospedale San Leonardo al fine di determinare la giusta terapia per contrastare i sintomi del malore. La donna si trova infatti ancora sotto osservazione nella struttura, ma il suo staff ha già rassicurato i fan sulle attuali condizioni di salute.

Lo spettacolo racconta curiosamente proprio di tre donne in preda a una crisi di nervi dopo aver scoperto di intrattenere una relazione con lo stesso uomo, un politico senza scrupoli e traditore, che sta per candidarsi alle elezioni; la tappa, e probabilmente anche alcune delle prossime, è stata rimandata senza alcuna indicazione precisa.