Chi è Maxwell Alexander, il gentleman americano eliminato da Masterchef Italia

Personaggio eclettico, colto, tra i concorrenti più amati della decima edizione del talent culinario. Prima di diventare chef amatoriale, è stato direttore di alcune delle riviste più conosciute a livello internazionale, come Variety e People.

Pubblicato il 7 novembre 2021
Spettacolo

Continua la gara tra i migliori chef amatoriali d’Italia. Il 7 novembre torna l’ormai consueto appuntamento con Masterchef Italia 10, in onda in chiaro su Tv8 ogni domenica in prima serata. I concorrenti si sfidano a colpi di ricette, come sempre sotto lo sguardo attento dei giudici Antonino Cannavacciuolo, Bruno Barbieri e Giorgio Locatelli. Ad abbandonare il grembiule bianco nel corso del diciottesimo episodio è Maxwell Alexander.

Tra gli aspiranti chef più amati della decima stagione del talent culinario, Max (come tutti lo chiamano) ha 64 anni, è americano e ha portato a Masterchef i sapori della cucina di tutto il mondo. È sicuramente un personaggio eclettico, che prima di diventare un cuoco amatoriale ha avuto moltissime esperienze diverse. È nato nel Michigan, ed è laureato in storia dell’arte alla Columbia University. Come infatti il pubblico ha certamente notato, Max è un uomo colto e, allo stesso tempo, un uomo di mondo. Grazie alla madre, che lavorava nella moda, ha avuto l’opportunità di girare il mondo e di avvicinarsi a sapori provenienti dai Paesi più diversi.

Dal 1990 al 1997, Alexander è stato direttore esecutivo di Variety, prima a New York e poi a Los Angeles, mentre dal 1997 al 1999 è stato caporedattore di People Weekly. Una carriera da decisamente ricca di successi, dopo essere stato giornalista per la stessa rivista fin da quando aveva 25 anni. È anche autore di due libri: il primo, uscito nel 2004, è autobiografico e si intitola Man Bites Log: The Unlikely Adventures of a City Guy in the Woods. Il secondo, del 2012, è un’opera a quattro mani, scritta con il fratelloWith: Bright Lights, No City: An African Adventure of Bad Roads with a Brother and a Very Weird Business Plan, eletto dal Wall Street Journal come il più divertente libro di business che sia mai stato scritto.

Nel 2018 Maxwell si è trasferito a Roma, lasciando la sua fattoria nel Maine dove allevava maiali, galline e anatre e produceva vino e sidro. Nella Capitale italiana ha ritrovato la passione per la cucina, che l’ha spinto a partecipare ai casting di Masterchef. Dopo l’eliminazione, seguita al temutissimo Pressure Test, ha assicurato che non abbandonerà il suo sogno e che si lascerà ispirare dai profumi del mercato di Roma: “Mi piace incontrare i venditori, scoprire nuove spezie, verdure o erbe locali, ma anche strani prodotti asiatici o africani e provare a usarli per creare dei piatti“.

Seguici anche su Google News!