I simboli per il lavaggio: guida rapida alle etichette dei vestiti

Lavari i capi, anche i più delicati, non sarà più un problema una volta che avrete imparato a leggere le etichette.

Aggiornato il 1 luglio 2020
Casa

Temete di non riuscire a lavare nel modo corretto e quindi di rovinare i capi, soprattutto quelli più delicati? Affidatevi ai simboli del lavaggio che trovate sulle etichette: leggendole con attenzione e attenendovi alle indicazioni riportate non potrete sbagliare.

Che siate o no alle prime armi con la lavatrice non disperate perché vi mostreremo e spiegheremo ogni simbolo del lavaggio. Ogni capo infatti è munito di una etichetta che ne indica la composizione e suggerisce i vari metodi di lavaggio, eventuale candeggio, asciugatura e stiratura.

I simboli si suddividono in tre tipologie di lavaggio: in lavatrice, a secco e a mano. Che si tratti di evergreen o di capi alla moda non c’è da preoccuparsi, le indicazioni valgono per tutti gli indumenti nel vostro armadio. Se il capo macchiato è di valore non perdete tempo con i rimedi casalinghi ma portatelo in tintoria. Infatti, se il lavaggio in lavatrice e quello a mano potete farlo comodamente a casa quello a secco, indicato da un cerchio sull’etichetta, è da lasciare nelle mani degli esperti del settore.

Per tutto il resto basterà un po’ di memoria fotografica per imparare i simboli base del lavaggio. Un’indicazione generale, per garantire la scelta migliore, è di controllare sempre se il capo è composto da tessuti differenti. In quel caso bisogna dare priorità alla parte più delicata.

I simboli per il lavaggio sulle etichette dei vestiti

Ci sono dei simboli che valgono per tutti i lavaggi o le pratiche di smacchiatura, come il candeggio, vediamo cosa significano:

  • La vaschetta sta sempre a indicare un lavaggio con l’acqua, che sia in lavatrice oppure a mano;
  • La croce sopra la vaschetta indica che quel procedimento non è idoneo al capo da sciacquare;
  • I numeretti ci indicano sempre la temperatura massima alla quale si può lavare un capo;
  • Le linee sotto il simbolo principale rappresentano un lavaggio delicato o un ciclo breve;
  • Il cerchio indica un lavaggio a secco;
  • Il quadrato rappresenta le indicazioni per l’asciugatrice.

Una parte importante sarà imparare a utilizzare l’elettrodomestico con i vari programmi per i cicli più idonei ai capi, la manopola o lo schermo per regolare la temperatura, separare i capi bianchi da quelli colorati, il sintetico dal cotone, la lana dai delicati.

Simboli etichette vestiti: lavaggio in lavatrice

simboli lavaggio in lavatrice
Simboli lavaggio in lavatrice (foto Candy)

Il lavaggio in lavatrice è quello più comune e associabile a quasi tutti i capi e, spesso ma non sempre, intercambiabile con quello a mano. I simboli per il lavaggio in lavatrice indicano quando questa soluzione è quella ideale, la temperatura massima, la velocità e l’intensità del ciclo. Non dimenticate di dividere i capi in bianchi, neri e colorati, per evitare spiacevoli inconvenienti, e di pulire la lavatrice con regolarità.  La vaschetta è l’immagine più facilmente associabile a questa procedura. Andiamo per ordine:

  1. Vaschetta: indica che l’indumento può essere lavato in acqua, a mano o in lavatrice;
  2. Vaschetta con una linea: indica che l’indumento va lavato a bassa velocità, con ciclo delicato;
  3. Vaschetta con due linee: il ciclo da utilizzare in questo caso è quello extra delicato, con un giro di centrifuga ancora più ridotto;
  4. Vaschetta con temperatura: indica la temperatura massima più idonea al lavaggio, solitamente 30°C, 40°C, 60°C, 95°C, e solo più raramente 50°C e 70°C.

Simboli etichette vestiti: lavaggio a secco

Simboli lavaggio a secco (foto Candy)

Il lavaggio a secco, ovvero senza acqua, è solitamente indicato per capi, come ad esempio quelli in pelle o alcuni abiti da cerimonia, che non possono essere lavati nelle comuni lavatrici. Solitamente per questi si ricorre alle lavanderie professionali. Vediamo insieme simboli e significati:

  1. Vaschetta con una croce: il capo non può essere lavato in acqua, ma solo a secco;
  2. Cerchio: il capo è idoneo al lavaggio a secco, senza restrizioni sul ciclo o i prodotti idonei da utilizzare;
  3. Cerchio con una linea: è consigliabile lavare a secco con un ciclo delicato;
  4. Cerchio con una croce: i capi che presentano questo simbolo non si possono lavare a secco;
  5. Cerchio con la lettera A: durante questo lavaggio è consentito qualsiasi solvente;
  6. Cerchio con la lettera F: si possono utilizzare solo solventi contenenti petrolio, idrocarburi e trifluoro-tricloroetano;
  7. Cerchio con la lettera P: si possono utilizzare tutti i solventi contenenti il tetraclorentilene, che dissolve altre sostanze senza subire trasformazioni.

Simboli etichette vestiti: lavaggio a mano

simboli lavaggio in lavatrice
Simboli lavaggio in lavatrice (foto Candy)

Per capi più delicati è indicato il lavaggio a mano anche se le lavatrici di nuovissima generazione hanno programmi di lavaggio per i tessuti più disparati.

Includiamo anche le indicazioni sul candeggio, ovvero la tecnica di sbiancamento di fibre tessili o del bucato domestico. Ecco i simboli che troverete sui vostri capi da lavare a mano:

  1. Vaschetta: indica la necessità di un lavaggio in acqua, sia a mano che in lavatrice;
  2. Vaschetta con mano: indica che l’unico lavaggio possibile è appunto quello a mano, e non in lavatrice;
  3. Triangolo: indica che l’indumento può essere candeggiato, con una soluzione di candeggina fredda e diluita o cloro, indicati per smacchiare;
  4. Triangolo con una croce: non è possibile candeggiare il capo, si compromette la sua qualità;
  5. Triangolo con CL: questi indumenti possono essere lavati solo con solventi a base di cloro.

Simboli etichette vestiti: asciugatrice

simboli asciugatrice
Simboli asciugatrice (foto Candy)

Ci sono poi dei simboli che indicano anche come usare l’asciugatrice, elettrodomestico sempre più presente all’interno delle case, e che sono indicati sui capi d’abbigliamento. Solitamente viene semplicemente indicato se si può utilizzare l’asciugatrice oppure no per l’asciugatura. Infatti, non sempre è possibile utilizzare questo fidato elettrodomestico, sempre più indispensabile durante l’inverno. Vediamo i simboli per l’asciugatrice:

  1. Quadrato con un cerchio: è possibile utilizzare l’asciugatrice. Se al suo interno ci sono due pallini si può procedere con un’asciugatura normale, un solo pallino implica un’asciugatura una meno calda;
  2. Quadrato con una croce: indica i capi da non mettere in asciugatrice.

Altri simboli e casi particolari

Ci sono, infine, simboli corrispondenti alle indicazioni per la stiratura dei capi e altri casi particolari. Con il ferro da stiro è impossibile sbagliare poiché il simbolo riportato sull’etichetta è proprio quello dell’elettrodomestico stilizzato. Può certamente esserci il caso in cui un capo molto delicato, o che presenta una stampa, non sia idoneo alla stiratura. Vediamo i simboli che riguardano questa procedura:

simboli ferro da stiro
Simboli ferro da stiro (foto Candy)
  1. Ferro da stiro: si può procedere con la stiratura dell’indumento;
  2. Ferro da stiro con un pallino: sconsigliata una temperatura superiore ai 110°C e l’uso del vapore;
  3. Ferro da stiro con due pallini: la temperatura massima consigliata per questo capo è 150°C;
  4. Ferro da stiro con tre pallini: potete stirare tranquillamente alla temperatura che preferite, il capo non ne risentirà, fino a un massimo di 200 °C;
  5. Ferro da stiro con una croce: sconsigliata la stiratura dell’indumento.

Infine i simboli meno frequenti che troverete sono quelli sulla posizione in cui asciugare i capi:

simboli asciugatura
Simboli asciugatura (foto Life Sentence Industry)
  1. Quadrato con un semicerchio: indica che il capo va appeso per asciugare;
  2. Quadrato con tre linee verticali: il capo va disposto in verticale per l’asciugatura;
  3. Quadrato con una linea orizzontale: il capo va steso per asciugare;
  4. Quadrato con due linee diagonali: il capo è più delicato e va asciugato all’ombra.
Seguici anche su Google News!

Articolo originale pubblicato il 23 giugno 2020

Credits foto: