L’addome scolpito è il sogno di molte donne, ma questo risultato si raggiunge solo tenendo presenti due accorgimenti: anzitutto, occorre curare l’alimentazione, poiché è perfettamente inutile stare ore in palestra se poi ci si abbuffa in maniera incontrollata; inoltre, quando si eseguono esercizi per rinforzare gli addominali, occorre sempre mantenere una posizione il più possibile corretta, altrimenti i risultati si faranno attendere.

Per allenare la fascia addominale gli esercizi più utilizzati sono i crunch:  per eseguirli occorre sdraiarsi in posizione supina, tenendo le gambe flesse e i piedi ben appoggiati sul pavimento. Quindi si esegue una flessione staccando la parte alta della schiena dal pavimento, mentre la parte bassa della schiena resta a contatto con la superficie di appoggio; una mossa furba per amplificare i risultati consiste nel mantenere costante la distanza tra il mento e lo sterno, inoltre gli arti inferiori devono restare immobili.

Un’altra mossa ideale per rinforzare gli addominali si può adottare nell’esecuzione del leg rise, ossia il sollevamento delle gambe su panca. Sempre sdraiati supini, stavolta su una panca piana o inclinata, le mani afferrano dei sostegni solitamente collocati dietro la testa, le anche e le ginocchia sono estese. L’esercizio consiste nel flettere completamente le anche, facendo attenzione a evitare di flettere le ginocchia e la colonna vertebrale.

Molto utile anche il sit up su panca: la posizione di partenza è sempre quella supina, su una panca orizzontale o reclinata, per far sì che la testa stia in basso e le gambe in alto. I piedi devono essere bloccati. Una volta assunta la corretta posizione, si flettono la colonna e le anche, a seconda della flessibilità soggettiva. Anche in questo caso, la mossa in più consiste nel mantenere identica la distanza tra il mento e lo sterno, inoltre l’angolo delle ginocchia deve rimanere uguale durante l’esecuzione dell’esercizio.

Quando si ha già una buona confidenza con gli esercizi addominali, ci si può cimentare con il crunch inverso alla sbarra: in questo caso si è sospesi e si impugna la sbarra delle trazioni, le spalle sono flesse e i gomiti sono estesi. Quindi si esegue una flessione delle anche, seguita dalla flessione del tratto lombodorsale della colonna vertebrale. La mossa vincente è quella di evitare le oscillazioni eccessive e mantenere invariato l’angolo delle articolazioni che non vengono sollecitate durante l’esecuzione dell’esercizio.

Un’altra mossa consigliata consiste nel non esagerare con lo sforzo. Infatti, sottoporre ogni giorno i muscoli a un {#allenamento} rischia di essere addirittura controproducente, poiché i muscoli hanno anche bisogno del giusto riposo. Inoltre, bisogna porre attenzione al meccanismo di inspirazione ed espirazione, infatti un respiro corretto aumenta i risultati. Infine, settima mossa per addominali scolpiti: mantenere attiva la concentrazione durante l’esecuzione degli esercizi, poiché questo incide sulla positiva stimolazione della muscolatura interessata.

Fonte: Fitbie.