Hanno fatto sognare diverse generazioni di giovani donne, da quelle più agée a quelle attuali: sono unici, iconici ed inimitabili ma allo stesso tempo valgono cifre da far girare la testa.

Dall’inconfondibile abito bianco di Marilyn Monroe nella scena del vento in “Quando la moglie è in vacanza” fino al costume di Dorothy indossato da Judy Garland ne “Il Mago di Oz”, ecco i dieci abiti più costosi che hanno reso celebri e uniche le attrici che li hanno indossati e che hanno fatto la storia del cinema.

Galleria di immagini: I 10 abiti più costosi della storia cinematografica

10. Barbara Streisand: l’abito dorato in “Hello, Dolly”

Battuto all’asta per 100 mila dollari, il vestito indossato dall’attrice nella pellicola di Gene Kelly del 1969 si può definire una delle creazioni più preziose nonché anche costose del mondo del cinema. Realizzato da Irene Sharaff, l’abito in velluto d’oro, è reso decisamente più prezioso grazie ai fili di 14 carati con cui è stato assemblato ma anche dai piccoli gioielli e cristalli colorati di Swarovski con cui è stato adornato.

9. Grace Kelly: l’abito in seta ne “Il Cigno”

Di qualche migliaio di dollari più costoso (110mila) è l’abito da sera indossato da Grace Kelly nella pellicola del 1956 di Charles Vidor. Realizzato in seta e merletti l’abito, in stile edoardiano, ha delle maniche corte, vita stretta con una fusciacca in satin e un ampio scollo sempre ricamato e con bordi sfrangiati in seta.

8. Vivien Leigh: la creazione indossata in “Via col vento”

In una delle più recenti aste è stato venduto anche l’outfit indossato più volte da Vivien Leigh in “Via col vento”, intramontabile film del 1939 e in cui l’attrice vestiva i panni di Scarlett O’Hara. Battuto per “soli” 137mila dollari l’abito, che al principio era stato acquistato per 20 dollari, è composto da una giacca e una gonna decisamente vaporosa con dei decori che originalmente dovevano essere blu ma con il passare del tempo, sbiadendo, sono diventati grigio chiaro.

7. Marilyn Monroe: l’abito rosa in “Gli uomini preferiscono le bionde”

Valutato per la modica cifra di 310mila dollari, l’abito fucsia indossato da Marilyn Monroe nel film del 1953 è senza dubbio uno dei più iconici della storia del cinema, tanto da essere poi copiato anche da volti della musica come Madonna. Senza spalline e con lunghi guanti della stessa tonalità, il lungo abito color rosa “shocking” – realizzato in satin da William Travilla – è stato indossato dall’attrice nella scena in cui balla sulle note di “Diamonds are a girl’s bestfriend”.

6. Grace Kelly: l’abito in corallo in “Caccia al ladro”

Indossato nella pellicola di Alfred Hitchcock “Caccia al ladro” (1955), l’abito nei toni del corallo con dettagli nei toni del bianco sul top e attorno alle maniche, è stato battuto all’asta per 400mila dollari. Quello di Hitchcock è stato il film che marcò un periodo alquanto importante per l’attrice: durante le riprese, infatti, ha incontrato il principe Ranieri di Monaco.

5. Judy Garland: il costume di Dorothy ne “Il Mago di Oz”

Indossato da Judy Garland ne “Il Mago di Oz” di Victor Fleming, anche l’abito della piccola Dorothy è stato battuto all’asta, questa volta per una cifra da capogiro pari a 910mila dollari. Realizzato nel 1939 da Gilbert Adrian degli MGM Studios, l’iconico costume è realizzato in cotone in bianco e blu e, seppur parzialmente, cucito a mano. Abito indossato insieme ad un altro iconico accessorio del film, le scarpette rosse luccicanti, anche queste andate all’asta per una cifra che si aggira intorno al mezzo milione di dollari.

4. Audrey Hepburn: l’abito Givenchy in “Colazione da Tiffany”

“Colazione da Tiffany” è uno dei film evergreen da vedere almeno una volta nella vita e proprio per questo motivo molti hanno potuto ammirare l’elegante abito firmato Givenchy indossato dal Audrey Hepburn. Anche questo è stato venduto ad un asta per 923.187 dollari.

3. Marilyn Monroe: l’abito rosso in “Gli uomini preferiscono le bionde”

Un altro iconico abito indossato da Marilyn Monroe in “Gli uomini preferiscono le bionde” (1953) è stato battuto all’asta. Il provocante abito nei toni del rosso rubino con paillettes luccicanti vede una profonda scollatura sul decolletè “coperto” da un tessuto nude, lasciando spazio ad un ampio spacco sulla gamba. La creazione firmata ancora una volta da William Travilla è stata valutata per oltre 1.2 milioni di dollari.

2. Audrey Hepburn: il vestito di Eliza Dolittle in “My Fair Lady”

Indossato da Audrey Hepburn in “My Fair Lady” (1964) un altro iconico abito valutato fior di quattrini è quello indossato dalla stessa nella celebre scena ambientata nell’ippodromo degli Ascot. Creato da Cecil Beaton, l’abito in bianco e nero con cappello è reputato uno dei più iconici della storia del cinema, non per altro la pellicola vinse l’Oscar ai migliori costumi ed è stato valutato per più di 3.7 milioni di dollari.

1. Marilyn Monroe: l’intramontabile abito bianco in “Quando la moglie è in vacanza”

Iconico e senza tempo, l’abito indossato da Marilyn Monroe nella scena della folata di vento sulla grata in “Quando la moglie è in vacanza” (1955) è senza dubbio uno dei più memorabili nel mondo del cinema, proprio come la scena stessa. Valutato all’asta per l’esorbitante cifra di 5.6 milioni di dollari, la creazione, firmata ancora una volta dal costumista statunitense WIllian Travilla, è un abito da cocktail con un design abbastanza semplice. Nei toni dell’avorio e con l’iconico taglio in voga tra gli anni ’50 e ’60, l’abito ha una profonda scollatura sul decolletè, con tessuto pieghettato sul top e due lembi di tessuto che si legano dietro al collo. L’abito, grazie ad una fascia proprio sotto il seno, va ad evidenziare i fianchi dell’attrice, per poi lasciare spazio ad una gonna plissettata.