Omelette della festa: come perdere calorie con una ricetta veloce, antichi sapori alla ribalta

Anna Carbone 3 gennaio 2014
Tempo di preparazione:
15 minuti
Tempo di cottura:
10 minuti
Tempo totale:
25 minuti
Difficoltà:
Media
Ingredienti per 4 persone:
  • 6 uova
  • 300 g di gamberetti
  • sale
  • pepe
  • burro

L’omelette, dolce o salata, è ottima anche per un pranzo last minute per la semplicità e la velocità della preparazione. Come secondo piatto o come dessert, farcita con gli ingredienti più vari, dalle verdure ai gamberetti alle fragole e ai mirtilli, l’omelette ha un aspetto invitante e un gustosissimo sapore. Per il suo basso apporto calorico, ha la proprietà di nutrire senza appesantire e può essere inserita fra gli alimenti ottimali per una dieta equilibrata. Non solo per la festa, ma anche per il pasto quotidiano. In caso di particolari occasioni può essere accompagnata al Colli Orientali del Friuli Picolit DOCG oppure ad un Lorotondo di Puglia.

Preparazione:

Per la preparazione di questa omelette potrete utilizzare dei gamberetti freschi oppure surgelati, buttarli in acqua bollente per 5 minuti e poi sgusciarli. Potreste utilizzare anche i gamberetti in vasetto, molto piccoli e delicati, ma non hanno moltissimo sapore.
Battete a lungo le uova con sale e un pizzico di pepe per far risultare molto soffice la omelette.
In una padella fate scaldare un pezzo di burro, versatevi le uova e fatele appena rassodare, rivoltate la omelette e farcitela velocemente di gamberetti, salate e pepate.
Ripiegate l'omelette su se stessa, fate scaldare ancora un momento e servite.

Note:

Per porzione
Calorie 242

I vini consigliati

Colli di Conegliano Bianco
Colli di Conegliano Bianco si presenta con colore giallo paglierino; profumo aromatico caratteristico; sapore secco, sapido, fine, vellutato e una gradazione minima del 12%. È ottimo con insalate di gamberi, risotto al nero di seppia, baccalà, brodetto, antipasti, primi piatti, frittate di verdura, uova, risotti, carni bianche e pesce.

Brachetto d’Acqui DOCG
Il Brachetto d’Acqui DOCG è caratterizzato da bollicine di media finezza; un colore rosso rubino chiaro con riflessi porpora, spuma vivace e perlage insistente; profumo fragrante e muschiato con chiari sentori di frutta rossa matura e rosa bulgara; sapore dolce, morbido, delicato, frizzante, con lunga persistenza aromatica che ricorda fortemente l’uva d’origine. Ha una gradazione minima di 12 gradi.
Nelle tre versioni Rosso, Rosato e Spumante, si sposa perfettamente a dessert e macedonie, fragole con panna, pesche bagnate con lo stesso vino, crostate ai frutti di bosco, cannoncini alla panna, bavarese ai lamponi, madeleine e pesche ripiene, esaltando il sapore della frutta fresca. Ma si accompagna bene anche alla frutta secca come noci, nocciole, mandorle, pistacchi, fichi. L’abbinamento più tradizionale, tuttavia, è con il dessert a fine pasto o a metà pomeriggio, con la pasticceria secca e con i dolci da forno dal panettone natalizio alle crostate. Si sposa bene con il cioccolato e, in questo, è forse l’unico vino al mondo. Comunque, si abbina perfettamente con il dolce e il salato.

Photo Credit: hddod via photopin cc

Informazioni utili