https://mymetrix.comscore.com/app/report.aspx

Achille Lauro si traveste da David Bowie a Sanremo 2020

L'eclettico cantante romano ha reso omaggio al Duca Bianco trasformandosi nel suo alter ego Ziggy Stardust

Pubblicato il 7 febbraio 2020

Dopo aver lasciato tutti a bocca aperta nella prima puntata del Festival di Sanremo 2020, Achille Lauro continua a stupire con uno stile che di certo non è passato inosservato.

Nella serata d’esordio l’eclettico cantante romano aveva sfoggiato un mantello di velluto nero che, con grande stupore di tutti, nascondeva una tutina attillata di strass color nude firmata Gucci. Così come spiegato in una nota ufficiale, quel look si ispirava agli affreschi attribuiti a Giotto dove il protagonista è San Francesco che si spoglia dei propri abiti lussuosi per votarsi alla vita povera e alla solidarietà.

In occasione della serata dedicata alle cover, Lauro ha scelto un outfit altrettanto simbolico per interpretare insieme ad Annalisa il brano Gli uomini non cambiano di Mia Martini. Questa volta si è ispirato ad uno dei personaggi più iconici e conosciuti della scena rock mondiale ovvero Ziggy Stardust, l’alter ego dell’immenso David Bowie. L’abito, che porta sempre la firma del direttore creativo di Gucci Alessandro Michele, non poteva che essere un completo di raso verde smeraldo con l’aggiunta di dettagli personalizzati.

Visualizza questo post su Instagram

Ziggy Stardust, uno dei tanti alter ego di David Bowie.Anima ribelle simbolo di assoluta libertà artistica espressiva e sessuale e di una mascolinità non tossica.

Un post condiviso da ACHILLE LAURO (@achilleidol) in data:

A completare il look è stato necessario un sapiente lavoro di hairstyling e make-up: la parrucca pel di carota è stata realizzata ad hoc per l’esibizione, mentre il trucco consisteva in una mascherina di ombretto luminescente turchese in tinta con lo smalto delle unghie.

Il risultato è stato stupefacente e, come per il caso della tutina glitterata, ha alzato un polverone mediatico. L’intento di Achille, così come ha espresso su Instagram, non era paragonarsi al Duca Bianco ma rendergli omaggio sposando il suo messaggio di libertà di espressione in ogni campo: “Ziggy Stardust, uno dei tanti alter ego di David Bowie. Anima ribelle simbolo di assoluta libertà artistica espressiva e sessuale e di una mascolinità non tossica“.

Storia

  • Festival di Sanremo