Festival di Sanremo 2021: Fiorello ci sarà, poi l'addio alla tv

Il celeberrimo intrattenitore, che compirà 60 anni tra pochi giorni, ha già iniziato a fare richieste folli al suo partner Amadeus.

Pubblicato il 6 maggio 2020

Tra 10 giorni compirà 60 anni e, in modo inaspettato in un ambiente in cui si tende a rimanere ancorati alla poltrona, ha già annunciato di contemplare seriamente l’idea del ritiro. Stiamo parlando di Fiorello, che però ha annunciato di voler chiudere la carriera almeno con una nuova edizione del Festival di Sanremo.

La dichiarazione è arrivata nel corso di una lunga diretta Instagram in tandem proprio con Amadeus, il conduttore della kermesse musicale del 2020. Rosario Fiorello si è detto perplesso ma comunque intenzionato a dare un seguito all’avventura, dal risultato positivo: “Che faccio? È pesante fare Sanremo… Te ne dicono di tutti i colori… Non ho il carattere giusto, eppure l’ho fatto. Amadeus mi ha convinto e mi convincerà pure stavolta… Potrebbe essere l’ultima cosa.”

Un momento di riflessione in streaming, quello svoltosi sul social, che ha spalancato anche scenari esistenziali inaspettati: “Faccio Sanremo, come va va, e chiudo la carriera. Mica devo andare avanti fino ad 80 anni. Ho fatto pure troppo. Largo ai giovani. Chiudo e basta“. Difficile capire se si tratti semplicemente di una delle solite battute del mattatore o di un vero annuncio.

Non sono infatti mancati precedenti in passato, come quando nel 2017 Fiorello dichiarò di voler tornare in Rai per fare un ultimo show, inizialmente intitolato L’Ora di Rosario e poi trasformatosi in Viva RaiPlay, finito online prima dell’edizione di Sanremo condotta da Amadeus.

E d’altro canto Fiorello ha già alcune idee per l’edizione 2021, di cui al momento non si può prevedere il periodo di svolgimento. Tra le ipotesi alcune incursioni folli e ritorni di fiamma ad alto rischio: “Sarebbe bellissimo avere Vasco Rossi la prima sera che fa un’irruzione sul palco con Vita spericolata“, o ancora “richiamare Bugo e Morgan“, organizzare la reunion, tra il serio e il faceto, di Benji & Fede, gli 883 e i Lunapop.

Anche Amadeus è vittima dei soliti lazzi dell’intrattenitore, il quale promette di volerlo torturare con richieste irricevibili: “Se dovessi venire a Sanremo, tu faresti tutto quello che ti chiedo, anche abbassarti i pantaloni?”. E per amore dello show Amadeus risponde di essere ponto a “qualsiasi cosa“. Un accordo sancito da una divertente raccomandazione: “Prepara mutande presentabili con la scritta Ariston“.

Storia

  • Festival di Sanremo