Acquagym, i benefici della ginnastica in acqua che aiuta a dimagrire

Scopriamo cos'è l'acquagym, quali sono gli esercizi più in voga e quali sono i benefici per corpo e mente.

Pubblicato il 29 giugno 2020
Fitness

Tenersi in forma può diventare davvero difficile ma come fare per non rinunciare a un po’ di sana attività fisica e, perché no, anche di divertimento? Semplice, con l’acquagym, la soluzione ideale per allenare tutto il corpo e bruciare calorie godendo della piacevole sensazione dell’acqua fresca sulla pelle.

Uno sport che unisce le attività tipiche della palestra a quelle acquatiche e che, proprio per le sue caratteristiche, può essere praticato da chiunque (o quasi), sia in piscina che al mare, in gruppo o individualmente, sempre seguendo le indicazioni di un istruttore specializzato.

Vediamo, quindi, più nel dettaglio di cosa si tratta, perché fa così bene al benessere del corpo e quali esercizi si eseguono in una lezione tipo di acquagym.

Acquagym: cos’è?

Come si intuisce dalla parola stessa, l’acquagym è una disciplina che trasferisce in acqua tutta una serie di esercizi di tipo aerobico simili a quelli che si svolgono in palestra. Il tutto a ritmo di musica.

Questo, oltre a rendere l’attività estremamente piacevole e divertente, fa sì che i movimenti fatti risultino meno pericolosi per le articolazioni rispetto a quelli eseguiti in palestra, ma senza che questi perdano di efficacia.

L’acquagym, infatti, richiede un grande lavoro muscolare. Uno sforzo costante che, però, viene addolcito dal continuo massaggio dell’acqua, fonte di benessere per eccellenza.

Le origini

L’utilizzo dell’acqua come terapia, infatti, non si può di certo considerare come un’invenzione dei nostri giorni. Già dai tempi degli antichi Greci, dei Romani, degli Egizi e degli Assiri e Babilonesi, questo elemento veniva utilizzato per la salute e il rinvigorimento del corpo.

Tuttavia, proprio perché nasce dall’esperienza e dall’unione di discipline sportive diverse, l’acquagym è considerata un’attività “moderna”.

Anche se non è del tutto certo chi l’abbia inventata, il merito della sua diffusione e della sua identità è da attribuirsi all’attrice Eleonora Vallone. A seguito di un grave incidente che la coinvolse nel 1984, l’attrice trovò nell’acqua un elemento di sollievo sia fisico che psicologico. Proprio per questo, si inventò una serie di esercizi a uso personale (circa 3000) che brevettò, in Italia con il nome di GymNuoto e all’estero sotto la denominazione GymSwim.

In breve tempo, questi esercizi diventarono una vera e propria disciplina acquatica che la stessa attrice decise insegnare e di divulgare al grande pubblico.

acquagym piscina
Photo by Hussain Badshah on Unsplash

Gli attrezzi per l’acquagym

Fu proprio lei, per esempio, a inventare uno dei primi attrezzi usati durante la pratica di questa attività: il triangolo, uno strumento galleggiante e dai lati equidistanti (cm. 40 circa), che si può adattare a chiunque indipendentemente dal peso, dal sesso o dall’età.

Oltre a favorire il galleggiamento della persona, evita di assumere posizioni errate, dona maggior sicurezza a chi pratica e si può utilizzare per tantissimi esercizi diversi.

Aspetto comune a tanti altri attrezzi impiegati durante la lezione e che, a seconda di come vengono posizionati, aiutano a fare lavorare una zona precisa del corpo. Ecco quali sono i più utilizzati.

Manubri

manubrio acquagym
Manubrio acquagym acquafitness PullPush L Flower azzurro

Aiutano ad aumentare la resistenza dei movimenti in acqua facendo lavorare in modo molto più intenso le braccia, le spalle e il petto.

Disponibile su Decathlon a 19,99 euro Acquista ora

Guanti palmati

guanti palmati acquagym
Guanti neoprene Acquagym e Acquafitness Neri

Potenziando e aumentando la superficie delle mani, consentono di aumentare l’efficacia del lavoro svolto sulla parte superiore del corpo.

Disponibile su Decathlon a 9,99 euro Acquista ora

Tubi

tubo
Noodle Schiuma Nuoto 160 cm

L’utilizzo dei tubi permette di lavorare più approfonditamente su petto, spalle, braccia, gambe e addominali, potenziando ogni parte in modo mirato.

Disponibile su Decathlon a 9,99 euro Acquista ora

Elastici

elastici
Fascia Elastica 500 Light

Perfetti per allenare le gambe e i glutei ma anche per tonificare e rinforzare la muscolatura delle braccia.

Disponibile su Decathlon a 11,99 euro Acquista ora

Cavigliere e polsiere

cavigliera
Polsiere/ Cavigliere Zavorrate Acquafitness 2*0,5 KG

Aumentando il peso di gambe e braccia, aiutano a potenziare il lavoro svolto su queste parti del corpo, tonificandole e rinforzandole. Ottime anche per rassodare i glutei.

Disponibile su Decathlon a 7,99 euro Acquista ora

Un’attività, quindi, che mixa tra loro tutta una serie di movimenti e strumenti che appartengono alla danza, alla boxe, al jogging, all’aerobica e perfino al judo, il tutto arricchito dall’acqua e dai suoi molteplici benefici (che in palestra non si possono avere).

I benefici dell’acquagym

I vantaggi legati alla pratica di questo sport, infatti, sono davvero tantissimi, tanto da essere consigliata anche alle persone in stato di gravidanza, che soffrono di obesità, agli anziani e a chi deve effettuare una riabilitazione post infortunio.

Uno dei suoi punti di forza e che rende l’acquagym un’attività adatta praticamente a tutti, è che si svolge in acqua bassa. Questo, oltre a rendere possibile l’esecuzione dei vari esercizi, tutela anche tutte quelle persone che, pur non sapendo nuotare, vogliono poter godere dei tanti benefici di questa disciplina.

Ma perché l’acquagym fa così bene? Perché è una pratica che abbraccia tutto il corpo. Dal potenziamento muscolare al miglioramento delle funzioni cardiorespiratorie fino anche al rilassamento e al benessere mentale. Una vera azione a 360°.

Nello specifico l’acquagym agisce per:

1. Tonificare la muscolatura

Gli esercizi fatti, grazie anche alla resistenza dell’acqua, aiutano a tonificare e rafforzare la muscolatura senza, però, sovraffaticarla. Questo porta a un ri-modellamento di tutto il corpo, gambe, braccia, pancia e perfino il seno, visibile già dopo poche lezioni.

2. Migliorare le funzioni cardiorespiratorie

Anche grazie al coinvolgimento dettato dalla musica, durante una lezione di acquagym ci si muove molto, facendo lavorare, oltre alla muscolatura, anche il fiato e il cuore.

Proprio per questo, praticare regolarmente questo tipo di attività aiuta a migliorare la capacità respiratoria e la resistenza mantenendo in salute sia i polmoni che il cuore (proprio come accade durante un allenamento di cardiofitness).

3. Riattivare la circolazione

Muoversi in acqua può portare grandi benefici anche a livello della circolazione sia sanguigna che linfatica. In questo modo si migliorano sensibilmente tutti quei problemi legati alla cattiva circolazione, come la ritenzione idrica, il senso di pesantezza e gonfiore alle gambe e le vene varicose.

Questo, unito all’azione muscolare, porta a snellire sia le gambe che i polpacci, aumentandone il tono e la compattezza.

4. Combattere la cellulite

Un altro vantaggio legato allo sport in acqua riguarda la cellulite, una delle nemiche numero uno delle donne. L’acquagym, infatti, unisce i benefici dell’attività aerobica con quella di un massaggio drenante.

In questo modo, grazie allo spostamento della massa d’acqua, il corpo subisce un massaggio e una pressione continua (tipo quella esercitata dall’idromassaggio), contrastando e agendo sui cuscinetti, sulla classica buccia d’arancia causata dalla cellulite e perfino sui chili di troppo.

5. Bruciare le calorie e i grassi

L’acqua, a contatto con il corpo, crea attrito. Questo fa si che, per riuscire a muoversi (oltretutto nel modo corretto), si debba fare uno sforzo fisico molto maggiore rispetto agli sport per così dire “all’asciutto”.

In questo modo, i muscoli lavorano di più, il corpo spende più energia e, di conseguenza, si consumano moltissime calorie. Ma quante calorie si bruciano davvero? Una lezione di circa un’ora, per esempio, consente di bruciare dalle 300 alle 500 kcal, ovviamente sempre tenendo conto della struttura fisica di ognuno.

Ecco perché l’acquagym è la disciplina perfetta per chi voglia perdere peso, divertendosi.

6. Curare l’artrosi

Nata come una sorta di ginnastica riabilitativa, l’acquagym è utile anche per riattivare e far lavorare nel modo corretto le articolazioni. Per questo praticare questa attività, risulta un validissimo aiuto contro l’artrosi, ovviamente seguendo un programma mirato e più soft di una lezione standard.

7. Combattere il mal di schiena

Il corpo in acqua pesa circa l’80% in meno del suo peso effettivo. In questo modo, pur muovendosi molto e lavorando con la muscolatura, la schiena non viene sottoposta a sforzi eccessivi.

Questo fa sì che, grazie all’acquagym, anche chi soffre di mal di schiena può tranquillamente praticare un’attività fisica, in totale sicurezza e godendo di tutti i suoi benefici.

8. Favorire il rilassamento

Infine, l’acqua è un toccasana per l’animo. Rilassante e rigenerante, è in grado di creare una sensazione di leggerezza e di tranquillità, infondendo a tutto il corpo (e soprattutto alla mente) uno stato d’animo di benessere.

Praticare costantemente acquagym, quindi, può essere davvero un modo mantenersi in forma, sia fuori che dentro. L’importante è farlo in modo regolare, almeno due o tre volte la settimana e per circa trenta minuti a lezione, sempre seguendo dei corsi preparati da personale competente e attento alle esigenze di ognuno.

acquagym in gravidanza
Foto di Andrea Piacquadio da Pexels

Acquagym in gravidanza: ci sono controindicazioni?

Ogni lezione, infatti, può essere personalizzata a seconda delle necessità di chi la pratica. Motivo per cui, come detto, questa disciplina può essere intrapresa anche dalle donne in stato di gravidanza.

L’assenza di gravità data dall’acqua, infatti, rende il corpo più leggero, rendendo più semplici, fluidi e fattibili quei movimenti che, a terra, possono essere difficoltosi o creare dolori.

L’importante è procedere sempre in modo graduale e in linea con il proprio stato di salute del momento, senza strafare e sempre sotto la supervisione dell’insegnante. Tendenzialmente, quindi, non ci sono controindicazioni e si può praticare a ogni mese della gravidanza, previo consenso del ginecologo. Questo, infatti, potrebbe sconsigliare l’attività fisica in tre casi particolari:

  • Se si soffre di placenta previa;
  • Quando si hanno perdite ematiche;
  • Se sono presenti contrazioni uterine.

I rischi (per tutti)

Essendo uno sport acquatico, poi, è possibile imbattersi in qualche rischio, dovuto all’ambiente e valido per chiunque:

  • Irritazione della pelle, causata dal cloro se si pratica in piscina e dal sole se si opta per una lezione al mare;
  • Infezioni e fughi dovuti all’umidità del luogo.

Problemi risolvibili munendosi delle giuste precauzioni.

Ma come si svolge una lezione “tipo” di acquagym e quali sono gli esercizi più gettonati?

Acquagym: esercizi e allenamento tipo

Come detto, una lezione può durare dai trenta minuti fino anche a un’ora e, solitamente, anche a seconda della fantasia dell’insegnante, si basa sull’esecuzione di alcuni esercizi a circuito.

  • Per prima cosa, per risvegliare il corpo e la muscolatura, si parte con un bel riscaldamento di circa 15 minuti, nuotando o camminando nell’acqua. La camminata deve essere abbastanza veloce e con passo lungo, cosi da far lavorare bene le gambe;
  • Si passa poi a una corsa a ginocchia alte mentre si va avanti e scalciando indietro (fino a toccare i glutei con la punta dei piedi), tornando indietro;
  • Ora si può iniziare a saltare. I salti devono essere piccoli e leggeri, per non sollecitare troppo le caviglie, sollevando prima una gamba e poi l’altra.

A questo punto si può passare all’esecuzione di alcuni esercizi più specifici, per esempio:

  • Affondi in acqua: proprio come per gli affondi a terra, le gambe, in modo alternato, vanno una in avanti (in affondo) e una indietro con il piede che poggia a terra, sollevando le braccia parallelamente al pavimento;
  • Salto della rana: stando in piedi sul posto, si esegue un salto verso l’alto aprendo le gambe contemporaneamente e portando le ginocchia verso il petto. Le braccia aiutano a respingere l’acqua.
  • Jumping jack: sono dei salti a gambe divaricate in cui le braccia aiutano la fase di salita (apertura delle gambe) spingendo verso il basso. In fase di chiusura i piedi toccano terra semichiusi;
  • Calcio volante: in piedi sul posto, si tira un calcio in avanti, prima con una gamba e poi con l’altra, mantenendole sempre semi tese e spingendo con le braccia verso il basso.

Ogni esercizio, anche a discrezione dell’insegnante, può durare per un tempo più o meno lungo ma non meno di un minuto. Oltre al fatto che, grazie all’ausilio dei vari attrezzi, ogni movimento può essere personalizzato e modificato per aumentarne l’efficacia e la difficoltà.

Questo è possibile anche facendo delle modifiche alla classica lezione di acquagym, aggiungendo e utilizzando dei macchinari simili a quelli che si possono trovare in palestra come biciclette, step, ecc.

Le varianti dell’acquagym

Tra le varianti più in voga si stanno facendo largo (e in alcune piscine sono già ampiamente praticate) delle discipline affini a quelle “esterne” come, per esempio:

  • L’acquastep, ovvero lo step in acqua che rende il classico esercizio da palestra più difficile per le gambe ma anche molto più tonificante;
  • La zumba e la danza in generale diventano acquadance, l’ideale per bruciare calorie e allenare il fiato, imparando a coordinare i movimenti proprio come in una lezione di ballo;
  • L’acquaboxing, che come si intuisce dal nome ripropone i movimenti tipici di una lezione di boxe o fit boxe, potenzia le braccia e la parte superiore del corpo, il tutto supportato da veri e propri sacchi posizionati in acqua;
  • L’idrobike, una sorta di spinning acquatico che, a tutti i benefici della classica lezione a terra unisce quelli generati dalla resistenza dei movimenti in acqua. Perfetto, quindi, per tonificare gambe e glutei;
  • L’acquayoga, che sfruttando l’assenza di gravità dell’acqua, consente di praticare alcune posizioni dello yoga senza sollecitare le articolazioni, in modo dolce e armonioso. Il rilassamento è assicurato.

Ovviamente, per praticare l’acquagym e tutte le sue varianti nel modo più corretto e comodo possibile, è indispensabile avere un abbigliamento che favorisca i movimenti senza creare intoppi.

Costumi per l’acquagym

Come si può facilmente intuire, quindi, i costumi migliori per questo tipo di attività sono indubbiamente quelli interi.

La loro forma avvolgente e “contenitiva” è l’ideale per eseguire qualunque tipo di movimento in totale libertà ma senza che si scopra nulla. Esistono poi anche dei costumi con i pantaloncini incorporati, più coprenti ma altrettanto comodi, fino all’irrinunciabile (per qualcuna) modello a due pezzi, con un reggiseno più ampio del normale bikini e una culotte abbinata.

E i modelli sono davvero tantissimi e alla moda, con due spalline o con una, più o meno sgambati o colorati.

Ecco qualche esempio:

Costume intero acquafitness donna Anna Nero

acquagym-costume1
Costume intero acquafitness donna Anna Nero

Questo modello di Nabaiji, grazie alle spalline larghe e alle imbottiture, è ottimo per sostenere il seno, valorizzando le forme ma garantendo il massimo della comodità durante ogni tipo di movimento.

Disponibile su Decathlon a 24,99 euro Acquista ora

Costume intero acquagym donna Lena nero

acquagym_costume intero 2
Costume intero acquagym donna Lena nero

Il modello Lena di Nabaiji è studiato appositamente per garantire comfort e sostegno. Grazie alla spalline incrociate in mesh elastico che lasciano libere le scapole e alla sgambatura media della parte inferiore, è l’ideale per le attività in acqua che richiedono un’ampia libertà di movimento.

Disponibile su Decathlon a 24,99 euro Acquista ora

Costume Pantaloncino Acquagym Donna Lou

costume acquagym_3
Costume Pantaloncino Acquagym Donna Lou

Il costume intero a pantaloncino di Nabaiji con décolleté a V, offre un’ottima vestibilità, comfort e sostegno, anche grazie al top integrato in mesh stretch. Perfetto per le attività di  acquafitness.

Disponibile su Decathlon a 22,99 euro Acquista ora

Costume Top acquafitness Meg Mem Blu

costume due pezzi_acquagym
Costume Top acquafitness Meg Mem Blu

Top in maglia traspirante e spalline regolabili per vestire su misura garantendo la massima adattabilità a ogni tipo di fisionomia. Il costume a top di Nabaiji è l’ideale per eseguire movimenti veloci in assoluta comodità.

Disponibile su Decathlon a 9,99 euro Acquista ora

Costume Intero Premaman Acquagym

remaman acquagym
Costume Intero Premaman Acquagym

Questo costume è stato pensato appositamente per favorire i movimenti e sostenere il peso della pancia fino al termine della gravidanza. Con dorso a “U”, è facilmente indossabile sia sui fianchi che sulle spalle. Per garantire alle future mamme di vivere lo sport in modo confortevole e con stile.

Disponibile su Decathlon.it a 9,99 euro Acquista ora

Insomma, con la tenuta giusta, la motivazione e la voglia di restare in forma, praticare acquagym è davvero la soluzione ideale per garantire benessere a corpo e mente, in modo sempre nuovo e divertendosi. E, cosa che non guasta, raggirando il caldo con un bel tuffo in acqua.

Seguici anche su Google News!