Adele: l'uscita del nuovo album sarà probabilmente rinviata al 2021

L'ultimo lavoro in studio, intitolato 25, risale ormai al 2015 e chiude una trilogia di lavori intitolati con l'età della cantante al tempo della pubblicazione.

Pubblicato il 20 aprile 2020

Cattive notizie per tutti i fan di Adele. La cantante, che sta tenendo tutti con il fiato sospeso per quanto riguarda la pubblicazione del suo attesissimo nuovo album, ha infatti provocato un certo sconcerto quando durante un’intervista ha alluso a un possibile rinvio.

L’artista 31enne, che ha scalato tutte le classifiche di vendita, ha partecipato a una conservazione con i produttori Babyface e Teddy Riley nel corso di una diretta Instagram, facendo un commento che ha lasciato di stucco i suoi sostenitori più accaniti.

La storia di Instagram è stata costellata di problemi tecnici che hanno spesso interrotto la conversazione. Durante uno di questi momenti la cantante britannica ha esclamato: “Suvvia, è il 2020 – non siamo destinati ad avere ciò che vogliamo!“.

In molti hanno così interpretato le sue parole come un’allusione al rinvio dell’atteso album, che dovrebbe dare un seguito all’ultimo lavoro discografico, intitolato 25 e uscito ormai 5 anni fa. Inizialmente la pubblicazione era prevista per il mese di settembre di quest’anno, ma ora non è più possibile fare affermazioni precise sulle tempistiche.

Pochi i dettagli finora rivelati sul nuovo progetto: intervistata riguardo al potenziale titolo, la cantante ha affermato che dopo 19, 21 e 25, numeri che riflettevano la sua età al momento della scrittura delle canzoni, questo potrebbe semplicemente portare il suo nome: “25 è l’ultimo album con la mia età. Credo nelle trilogie, sì, e il prossimo sarà solo Adele“.

Ultimamente la milionaria artista ha fatto parlare di sé per la vendita della sua enorme magione nell’Essex, acquistata insieme all’ex marito Simon Konecki. A quanto sembra un misterioso compratore l’avrebbe pagata 3 milioni di sterline, uno in meno rispetto ai 4 pagati inizialmente dalla coppia, per una perdita quindi del 25%. Per quanto non siano stati diffusi dettagli circa l’accordo economico relativo alla separazione, pare che i proventi serviranno proprio a coprire queste spese.

Credits foto: