Come vestirsi bene a 45 anni

Vediamo una breve guida da seguire per vestirsi bene a 45 anni, dalla scelta dei capi fino a quella dei colori, senza dimenticare gli accessori.

Aggiornato il 6 novembre 2019
Moda

A ogni età il suo abbigliamento, soprattutto quando gli anni avanzano: così se a 20 anni è possibile indossare qualsiasi cosa senza incorrere nel rischio di apparire fuori luogo, vestirsi bene a 45 anni è più che doveroso.

20 alimenti da mangiare a 40 anni

La maggior parte delle donne, a 45 anni, deve districarsi tra molteplici ruoli, dai suoi impegni lavorativi fino a quelli come madre, dal suo essere moglie (o compagna) al proprio bisogno di stare con le amiche: consapevole ormai della propria femminilità, non sente la necessità di stupire ma ha ancora voglia di sentirsi bella e attraente. Il guardaroba, quindi, deve poter soddisfare tutte queste esigenze, senza abdicare a un pizzico di seduzione.

Ecco, allora, qualche proposta su come vestirsi a 45 anni a seconda delle occasioni.

  • Una riunione di lavoro: in ufficio il tailleur è praticamente di ordinanza. Largo, quindi, col completo gessato in stile pajamas di Max Mara, comodo e femminile insieme, oppure a quello color cipria, con giacca asimmetrica e pantalone alla caviglia di Zara. In entrambi i casi una stringata è la scarpa più adeguata.
  • Un aperitivo con le amiche: lasciati i figli a casa, libere da incombenze domestiche, osare con una mise un po’ provocante fa bene all’umore. Diverse le proposte a disposizione. Da Dolce e Gabbana, la gonna a sigaretta, longuette, con limoni di Sorrento si abbina in maniera originale e divertente con una camicia a righe in popeline. Una décolleté con tacco a spillo completa un outfit molto femminile e allo stesso tempo ironico. Chi ama i capi più casual può invece provare con lo chemisier bianco di Zara, da impreziosire con accessori colorati.
  • Una cena romantica: ritagliarsi dei momenti a due è sempre importante, a qualsiasi età e dopo aver festeggiato anche le nozze d’oro, perché la vita di coppia va sempre tenuta (appunto) viva. È fondamentale, quindi, non rinunciare a farsi belle per il proprio lui. Le donne più classiche possono indossare un tubino nero, attillato con cinturino in vita come quello di Hugo Boss, a cui abbinare sandali alti e gioielli che illumino il viso. Quelle più originali possono, invece, osare con un abito longuette asimmetrico di Stella McCartney, leggero senza maniche in crêpe georgette con top plissé nero e giallo limone e gonna in contrasto con strati sovrapposti plissé nei toni del celeste e del grigio. Perfette ai piedi delle platform colorate.
  • Un pomeriggio con i bambini: comodo e informale è l’outfit più idoneo per portare i figli al parco con gli amici o al laboratorio domenicale in un museo o al bioparco. Martino Midali, da sempre leader per l’abbigliamento casual che non rinuncia a essere femminile, propone un maxi abito colorato in jersey. Un paio di scarpe basse sono quelle più idonee per correre dietro ai più piccoli con facilità.

Articolo originale pubblicato il 11 luglio 2016

Seguici anche su Google News!

Storia

  • Come Vestirsi