Dieta detox: come depurare l’organismo e tornare in forma in pochi giorni

Come fare per depurare l'organismo dalle tossine e recuperare il corretto equilibrio, sia dentro che fuori? Seguendo la dieta detox, una strategia alimentare volta a liberare il corpo dalla tossine per garantirgli il giusto benessere. Scopriamo come

Pubblicato il 25 novembre 2020
Fitness

Depurare l’organismo dalle tossine accumulate nel tempo è possibile. Come? Mettendolo in pausa dalla solita routine e seguendo una dieta detox, per aiutarlo a purificarsi, tornare in forma e perdere qualche chilo.

Il corpo, infatti, nel lungo periodo tende ad accumulare scorie dovute per lo più a due tipi di fattori: interni (ovvero che derivano dall’organismo stesso) ed esterni come fumo, alcool, alimentazione sregolata, ecc.

Quando queste scorie diventano troppe e il corpo non è più in grado di gestirle in modo autonomo è bene aiutarlo con una cura disintossicante, perfetta per ripulirlo dalle tossine e dai liquidi accumulati e donargli benessere ed energia.

Vediamo, quindi, cos’è una dieta detox, come si esegue e con quali benefici per il corpo.

frullati di frutta detox

Dieta detox: come funziona?

Per prima cosa è bene specificare che non esiste una sola tipologia di dieta detox ma che, all’interno di questa categoria, esistono diverse varianti di diete depurative il cui scopo è appunto quello di eliminare le tossine depositate nel corpo e ripristinare il corretto equilibrio e un buono stato di salute generale.

Quando il corpo è intossicato, infatti, si possono manifestare diversi disturbi tra cui:

  • stitichezza o diarrea;
  • alitosi;
  • cambiamenti nel colore e odore di sudore e urine;
  • comparsa di macchie sula pelle;
  • difficoltà a concentrarsi;
  • fragilità dei capelli e delle unghie;
  • irritabilità;
  • depressione.

Proprio per questo è necessario intervenire con una dieta detox mirata, il cui scopo è quello di purificare e liberare il corpo da tutte le scorie accumulate, garantendo il buon funzionamento degli organi e un livello di benessere fisico maggiore.

Alimenti sì e no

Aspetto fondamentale della dieta detox è l’alimentazione e in particolare cosa si può e cosa non si può mangiare.

Gli alimenti, infatti, se da un lato possono favorire il benessere del corpo, dall’altro possono agire nel modo contrario, influendo sull’accumulo di grasso addominale, rallentando il metabolismo e facilitando l’accumulo di tossine. Tra questi, per esempio, troviamo:

  • zuccheri raffinati;
  • alimenti raffinati;
  • bevande alcoliche;
  • grassi e oli;
  • caffeina;
  • prodotti di origine animale come carne e formaggi.

Tutti alimenti da evitare poiché contribuiscono a intossicare l’organismo rallentandone le funzioni.

Tra i cibi da privilegiare, invece, e che quindi risultano essere particolarmente indicati per purificare il corpo e favorirlo nelle sue normali attività, ci sono sicuramente la frutta e la verdura, ricchi di fibre, vitamine e sali minerali fondamentali per la salute. Tra queste da preferire sono:

  • asparagi;
  • cavolo;
  • erba cipollina;
  • pomodori;
  • barbabietole;
  • sedano;
  • aglio;
  • carote;
  • carciofi;
  • basilico;
  • timo;
  • prezzemolo;
  • agrumi (limone, arancia e pompelmo);
  • tè verde;
  • frutti di bosco come mirtilli, more, fragole, lamponi, ecc.;
  • avocado.

Inoltre, è importante prestare attenzione all’idratazione. Per mantenere l’organismo “pulito”, infatti, è necessario bere almeno due litri di acqua al giorno, anche aiutandosi con delle tisane dimagranti, drenanti e depurative.

Queste tisane sono perfette per combattere l’accumulo di liquidi e tossine alla base di disturbi come per esempio la ritenzione idrica e la cellulite, ma non solo.

Dieta detox: benefici e obiettivi

I benefici legati alla dieta detox sono davvero tantissimi. Che venga utilizzata come dieta post abbuffate per porre rimedio a un periodo di eccessi a tavola, o come aiuto dopo un abuso di farmaci o un pieno di stress, questa strategia alimentare consente al corpo di liberarsi e depurarsi da tutta una serie di sostanze nocive per la salute come i coloranti o i conservanti, gli esaltatori di sapidità e tanti altri elementi contenuti in ciò che si mangia.

In questo modo, alleggerendo il carico di lavoro per l’intestino, i reni e il fegato, la dieta detox contribuisce a:

  • donare maggior energia all’organismo;
  • ridurre la sensazione di pesantezza a livello addominale;
  • favorire il processo digestivo;
  • facilitare il transito intestinale e l’evacuazione;
  • migliorare il drenaggio dei liquidi;
  • favorire la perdita di peso;
  • aumentare le difese immunitarie.

Un benessere fisico generale che si manifesta sia dentro che fuori. Questa dieta, infatti, proprio per i suoi benefici a livello degli organi e della loro funzionalità, porta con sé tutta una serie di vantaggi anche di natura estetica come:

  • un miglioramento della salute e della lucentezza dei capelli;
  • una maggior tonicità e compattezza della cute;
  • l’aumento della resistenza delle unghie.

Oltre a portare notevoli benefici anche al cervello, rendendolo più operativo e reattivo agli stimoli esterni, e migliorandone la capacità di concentrazione.

Ma quanto deve durare la dieta detox per poter realmente godere dei suoi effetti?

dieta detox

Quanto dura la dieta detox?

Come detto in precedenza, in base all’obiettivo che si vuole raggiungere, la durata di questa tipologia di dieta può variare da uno a sette giorni (anche se in alcuni casi e sempre sotto controllo e consiglio medico può essere prolungata).

In linea generale, però le diete detox più conosciute e seguite sono quelle di tre o sette giorni.

La dieta da tre giorni è molto più simile a un digiuno in cui sono ammessi quasi unicamente liquidi, frutta fresca, ortaggi e legumi. Il tutto sotto forma di zuppe, minestre, frullati o centrifugati detox.

Via via che il numero di giorni aumenta, anche gli alimenti concessi cambiano: nella versione da sette o più giorni, infatti, sono consentiti anche il pesce o la carne bianca, i cereali integrali (come farro, orzo, miglio, riso integrale, quinoa, ecc.), uova e formaggi magri.

Ovviamente sempre privilegiando il consumo di vegetali e di acqua e sempre sotto controllo e indicazione medica, sia per la tipologia e quantità di alimenti sia per la modalità di cottura.

Dieta detox: un esempio di menu settimanale

Vediamo, quindi, di cosa si compone un menù settimanale durante la dieta detox e come mixare gli alimenti tra loro per creare piatti sempre nuovi e gustosi.

menu settimanale dieta

Lunedì

Colazione: yogurt magro con frutti rossi e una tisana.
Pranzo: risotto integrale con carciofi e insalata mista.
Merenda: un tè verde con miele.
Cena: petto di pollo alla piastra con spinaci bolliti e pane integrale.

Martedì

Colazione: latte scremato con due fette biscottate integrali e marmellata senza zucchero.
Pranzo: orata al forno con insalata di arance e finocchi.
Merenda: centrifugato detox.
Cena: minestra di verdure con riso e tisana.

Mercoledì

Colazione: macedonia di frutta e spremuta d’arancia.
Pranzo: pasta integrale con verdure miste e insalata di carote e finocchi.
Merenda: frutta fresca.
Cena: vellutata di asparagi con pane integrale.

Giovedì

Colazione: yogurt magro con frutti rossi e cereali integrali.
Pranzo: petto di pollo con fagiolini e carote saltate in padella.
Merenda: una mela.
Cena: riso integrale con salmone e un frutto.

Venerdì

Colazione: latte scremato con due fette biscottate integrali e marmellata senza zucchero.
Pranzo: misto di legumi con pane integrale e insalata.
Merenda: mandorle.
Cena: minestra di farro con verdure, una tisana zenzero e limone.

Sabato

Colazione: macedonia di frutta con cereali integrali e tè verde.
Pranzo: merluzzo al vapore con cavolo e insalata mista.
Merenda: un frutto.
Cena: zuppa di lenticchie e zucchine al pomodoro.

Domenica

Colazione: pane integrale con marmellata senza zuccheri e una spremuta d’arancia.
Pranzo: pasta integrale con zucchine e pomodorini, insalata mista.
Merenda: frullato di frutta.
Cena: scaloppine al limone con patate spinaci e pane integrale.

Un menu ricco e variegato, in cui compaiono quasi tutte le tipologie di alimenti e in cui è consentito mangiare frutta anche dopo i pasti.

Basta seguire le corrette quantità e tipologie di cibi. Così facendo sarà possibile godere di tutti i benefici della dieta senza incorrere in spiacevoli conseguenze.

Controindicazioni ed effetti collaterali della dieta detox

Anche la dieta detox, infatti, può avere delle controindicazioni. Queste sono dovute per lo più al basso contenuto calorico e alla mancanza di alcuni principi nutritivi (soprattutto nella versione più breve) che possono provocare diversi problemi all’organismo.

Tra i disturbi più frequenti, la dieta detox può causare:

  • emicrania;
  • stanchezza;
  • capogiri;
  • nausea;
  • mal di stomaco;
  • cambiamenti di umore.

Ma non solo: attenzione, anche, alla perdita di peso. In questo tipo di strategia alimentare, il dimagrimento è dovuto per lo più alla quantità di liquidi e tossine eliminate. Al termine di questo periodo, quindi, i chili persi potrebbero essere ripresi in pochissimo tempo.

Proprio per questo, il modo migliore per mantenere il corpo depurato e uno stato di benessere fisico reale e duraturo, è quello di adeguare la propria alimentazione e stile di vita ad abitudini più sane, mangiando in modo più equilibrato, aumentando l’attività fisica e vivendo in modo più attento e in linea con le esigenze del proprio corpo. Ogni giorno.

Seguici anche su Google News!

Storia

  • Dieta Dimagrante