Gwyneth Paltrow racconta la sua dieta per il 2020

Barrette proteiche, hamburger di tacchino e frullati, la dieta minimal dell'attrice.

Pubblicato il 11 gennaio 2020

Gwyneth Paltrow racconta alla rivista Harper’s Bazaar la sua dieta per il 2020. L’attrice, da poco approdata su Netflix con la serie The Politician, è sempre più intenzionata a dedicarsi meno alla recitazione e più al mondo del benessere. Infatti, proprio sulla piattaforma di streaming, lancerà a breve The Goop Lab, docu-serie dedicata alla sua linea di wellness.

La fondatrice di Goop inizia la giornata con un cucchiaio di olio di cocco. “È un modo ayurvedico per rimuovere i batteri dalla bocca” spiega l’attrice, facendo riferimento all’antica tecnica nota come estrazione dell’olio.

Buona parte dei prodotti consumati duranti i pasti da Gwyneth Paltrow sono provenienti dal suo brand: frullati ricchi di proteine ​​e fibre, barrette proteiche al burro di arachidi, hamburger di tacchino e tè verde.

Visualizza questo post su Instagram

@harpersbazaarus 💜 on #thegooplab and other bits. Link in bio

Un post condiviso da Gwyneth Paltrow (@gwynethpaltrow) in data:

Non sono un’appassionata della colazione” rivela. La Paltrow inizia la sua giornata in palestra con GoopGlow, un multivitaminico che rivitalizza la pelle con vitamina C e altri antiossidanti. “Sono ossessionata da quella roba. È come se fosse il mio succo d’arancia mattutino.

A metà mattina è il momento dei frullati e delle barrette proteiche. Continuando a pubblicizzare il suo brand l’attrice spiega il suo pranzo: “Di solito mangio cose che vedresti sul sito Web Goop, come un’insalata con un po’ di proteine, o cibi disintossicanti, come jicama e gusci di taco.

I miei collaboratori lavorano ad una versione davvero pulita di un hamburger di tacchino con una specie di ottima salsa. È molto sano, specie se avvolto nella lattuga o insalata simile“.

Ma c’è qualcosa di scientifico nelle proposte della Paltrow? Secondo una parte degli esperti, che condanna i suoi consigli sui social, a volte troppo estremi, no. Molta polemica infatti sta scatenando la scelta di Netflix di mandare in onda il suo documentario, che potrebbe spingere i più giovani a uno stile di vita scorretto.

Storia

  • Vip