Saltare la cena fa dimagrire? Come funziona la dieta Dinner Cancelling

Tutto quello che c’è da sapere sul semi-digiuno che ha rimesso in forma Fiorello.

Fitness

Per capire se saltare la cena fa dimagrire, può essere utile sapere come funziona la dieta Dinner Cancelling, il regime alimentare che pare abbia fatto perdere notevolmente peso nell’ultimo periodo allo showman Fiorello.

Il nome di questa moda è tutto un programma: la dieta Dinner Cancelling permetterebbe di dimagrire eliminando la cena. Secondo il suo inventore, il personal trainer tedesco Dieter Grabbe, infatti, mangiare dopo le 17 affaticherebbe il fisico e porterebbe a ingrassare, per via del fisiologico rallentamento del metabolismo che avviene nella seconda parte della giornata.

Saltare la cena fa dimagrire? Quanto c’è di vero? Ci sono controindicazioni e rischi nel seguire la dieta Dinner Cancelling? Ecco tutto quello che c’è da sapere.

Come funziona la dieta Dinner Cancelling

La dieta Dinner Cancelling prevede di smettere di mangiare dalle 5 del pomeriggio. Dopo quest’ora non è previsto nessun pasto solido e si possono bere solo acqua e tisane senza zucchero.

La dieta dimagrante Dinner Cancelling si prefigura, così, come un regime di parziale digiuno. Sicuramente utile per perdere peso velocemente (anche due chili in due giorni, ma soprattutto di liquidi e gonfiore) in vista di un’occasione importante.

Cosa ne pensano nutrizionisti e dietologi? Sebbene sia vero che il metabolismo la sera rallenti, è anche vero che a lungo andare digiunare porta a un peggioramento delle funzioni metaboliche (oltre che ridurre i nutrienti necessari). I medici, infatti, consigliano di mangiare poco la sera, seguendo uno schema equilibrato sulla falsariga della dieta mediterranea, un secondo e un contorno, ma di evitare il digiuno.

In ogni caso, la dieta Dinner Cancelling non va protratta oltre i due giorni consecutivi. Alcune persone hanno trovato beneficio applicandola un paio di volte a settimana alternate per disintossicarsi, tuttavia ogni cambiamento dell’alimentazione deve essere valutato insieme a un medico e applicato soppesando fabbisogno energetico e stile di vita.

Dinner Cancelling: lo schema

A puro scopo informativo, ecco un esempio di menu di questa dieta dimagrante, per capire come ricreare lo schema. Non è necessario contare le calorie, l’importante è che i pasti siano equilibrati e completi. Poche altre le regole: bere almeno un litro e mezzo o due litri di acqua al giorno, banditi alcolici, succhi di frutta e caffè.

  • Colazione: un uovo strapazzato o uno yogurt magro o un bicchiere di latte scremato; un frutto o una spremuta; fette biscottate o pane e marmellata.
  • Spuntino di metà mattina: un frutto o crudité.
  • Pranzo: un piatto di pasta piccolo condito con un sugo semplice o con verdure, in alternativa un panino integrale o una porzione di patate; infine un secondo e un contorno.
  • Spuntino prima delle 17/18: un frutto piccolo e uno yogurt magro o una manciata di frutta secca o un pezzetto di formaggio magro.

Credits foto: