Tagli di capelli corti 2020: le tendenze

Dal bob al pixie, dall’undercut al ritorno della “scodella”, cosa ci metteremo in testa quest’anno

Bellezza

Sono per chi vuole cambiare, sono per chi ha coraggio da vendere, sono per chi non ha paura di esprimere la propria personalità: i tagli di capelli corti 2020 che seguono le tendenze hanno un mood grintoso. Ma senza abdicare a un tocco di femminilità e romanticismo.

Le ispirazioni per i tagli di capelli dell’anno arrivano dalle passerelle della moda 2020, ma anche dalle proposte dei brand leader di settore, dagli hairstylist che fanno tendenza e dalle dive più copiate.

Il bob è senz’altro ancora il taglio corto più scelto. Mantenendo un minimo di lunghezza, permette di giocare con le acconciature e sbizzarrirsi con gli accessori. Ci sono, poi, proposte originali che non sono per tutte, come il bowl cut, il taglio a scodella.

Se avete in programma un appuntamento dal parrucchiere, presentatevi con le idee chiare dando un’occhiata alle tendenze in fatto di tagli di capelli corti 2020.

5 tagli di capelli corti 2020

  1. Bob. Il più amato e versatile dei tagli corti quest’anno vince su tutti nella sua versione mossa con frangia. Super cool.
  2. Soft pixie. Anche il pixie, il taglio sbarazzino più corto dietro e più lungo davanti, spopola nella sua versione soft, cioè soffice, morbida, naturale se non riccia, leggermente voluminosa.
  3. Bob asimmetrico. Preferibilmente liscio è, invece, il bob asimmetrico. Si porta anche riccio, infatti, ma il liscio riesce ad esaltare al meglio le linee del taglio.
  4. Bowl cut. Tra i tagli maschili più à la page negli anni Novanta, il taglio a scodella torna sulla testa di lui e di lei. Il problema è che non sta bene a tutte. Meglio valutare bene l’opportunità con il parrucchiere di fiducia e, in ogni caso, preferirlo solo se si hanno lineamenti regolari e volto armonico.
  5. Undercut. Il più grintoso dei tagli si veste di femminilità grazie a un lungo ciuffo da portare ondulato e da raccogliere con mollette e fermagli preziosi.

Credits foto: