Abbronzarsi con i rimedi naturali, proteggendo la pelle e i capelli, così da scongiurare scottature ed eritemi solari, è possibile: la natura, infatti, offre svariate soluzioni per favorire l’abbronzatura e renderla dorata e uniforme, stimolando la pigmentazione cutanea.

L’importante è non esagerare mai con l’esposizione al sole, sia al mare che in montagna, in piscina o sul balcone di casa, e di proteggersi sempre con i corretti prodotti. Inoltre, è bene non esporre il corpo al sole nelle ore più calde e coprire sempre la testa con un cappello. Un’abbronzatura sbagliata crea l’effetto contrario, sparisce velocemente, aumenta le rughe del viso e può dare vita a macchie della pelle.

Inoltre, il contenuto di alcune piante invece di proteggere la cute la danneggiano, in alcuni casi, anche in modo grave. Un esempio? Con il latte di fico l’abbronzatura è assicurata, ma dopo poco tempo al sole, la pelle si scotta, si ricopre di macchie e brucia. E si può anche finire al pronto soccorso per ustioni di una certa serietà. Stesso discorso vale per la birra utilizzata come abbronzante: non contiene filtri solari e quindi espone la pelle a scottature. Non solo, la presenza di alcol determina un’alta probabilità di reazioni allergiche, con comparsa di eritemi e bollicine. Inoltre, l’alcol causa una vasodilatazione locale, che favorisce la penetrazione nella pelle di sostanze tossiche che possono dare origine a irritazione locale. Poi evaporando, l’alcol provoca una disidratazione della cute che la rende più secca e vulnerabile ai raggi solari. Con la raccomandazione, quindi, di non usare dei preparati naturali fai da te, senza sapere il loro vero contenuto e le loro azioni sulla salute, vediamo come abbronzarsi con i rimedi naturali.

  • Per quanto riguarda l’alimentazione, è importante consumare alimenti ricchi di betacarotene, come le carote, i pomodori, la zucca gialla, il cocomero, il melone, le ciliegie e le albicocche, senza trascurare verdure come la lattuga e ortaggi come i peperoni. Ad un’alimentazione equilibrata, va associata la corretta idratazione.
  • Esistono molti infusi che favoriscono l’abbronzatura. È il caso per esempio dei semi di ammi, una pianta spontanea, della famiglia delle ombrellifere, che cresce nell’Europa meridionale e occidentale. Questi semi hanno proprietà digestive e favoriscono la pigmentazione cutanea. Basta mettere in infusione 80 g di semi in un litro d’acqua bollente e berne 1 tazza al giorno, per 5 giorni. Il trattamento può essere ripetuto 2 o 3 volte nell’arco dell’estate.
  • Prima di sdraiarsi al sole è bene preparare la pelle con uno scrub fai da te in modo da eliminare tutti i residui di cellule morte e pelle secca. Basta mescolare sale grosso e miele e passarlo sul corpo con un guanto per esfoliazione.
  • Dopo l’abbronzatura, è possibile mantenerla a lungo grazie a una lozione casalinga fatta di olio olio di soia, olio di noci e di olio di avocado in stessa quantità. La miscela ottenuta va stesa sulla pelle, in piccoli quantitativi, prima e dopo il bagno.
  • In caso di scottature, il bruciore può esseri lenito con la polpa di un cetriolo triturato, oppure con una patata grattugiata o una soluzione di aceto e acqua. Ottimi anche gli impacchi di camomilla o di aloe.
  • Per non lavare via l’abbronzatura, basta utilizzare prodotti delicati, come un sapone al mallo di noce.