Il tradimento è ancora un retaggio esclusivamente maschile? Pare proprio di no. Secondo uno studio condotto in Gran Bretagna, le donne hanno più amanti degli uomini. Ma le ragioni dietro la ricerca di un amante seguono lo stereotipo: amore, emozioni, autostima, e non semplice sesso come per gli uomini.

Quando si tratta di coppia di lunga data le donne compiono tradimento per amore, non per sesso. Purtroppo sembra che questo sia ancora un dato di fatto, a sentire i risultati dello UK Adultery Survey 2012, un sondaggio condotto su 4.000 donne che hanno tradito i propri partner. Però le donne hanno in media 2,3 amanti contro l’1,8 degli uomini.

Secondo la ricerca gli uomini tradiscono perché spinti dalla noia verso il proprio matrimonio, alla ricerca di eccitazione sessuale e bisogno di irrobustire il proprio ego. E l’ego c’entra anche con le donne, che mettono autostima insieme a ricerca di romanticismo e scarica emotiva tra le ragioni alla base dell’infedeltà. E infatti finiscono per innamorarsi del proprio amante molto più degli uomini, ben il 57% delle donne contro l’appena 27% degli uomini. Come dice Emily Pope, che gestisce il sito di ricerca per adulteri Undercover Lovers:

«Sempre più ricerche neurologiche stanno rivelando che i cervelli di maschi e femmine sono programmati in modo diverso quando si tratta di relazioni. Il risultato del nostro sondaggio lo conferma, con le nostre adultere che sembrano cercare qualcosa di molto più emotivamente significativo dalle loro relazioni rispetto agli uomini.»

Pur essendo in cerca di amore, però, non perdono del tutto la testa:

«Una volta che hanno fatto l’enorme decisione di avere una relazione extraconiugale, le donne hanno molte più possibilità di trovare qualcuno con cui tradire e hanno il controllo del se e dove consumare la relazione una volta che lo fanno.»

Entrambi però all’interno della coppia dichiarano di voler rimanere sposati, di amare il proprio coniuge, donne al 76%, uomini al 67%, mentre le donne si danno meno margine di tempo per trovare un amante, 5 anni contro i 6 degli uomini dopo il fatidico sì, e l’età media è quindi più giovane, 37 anni contro i 42. Sia uomini che donne poi, ma le donne molto di più, soffrono di quel male sociale chiamato ipocrisia, per cui pur tradendo ampiamente non sono intenzionate a perdonare il tradimento altrui, con il 41% delle donne che lascerebbe il partner contro un 29% maschile.

Fonte: MedicalDaily