Ditonellapiaga si prepara a Sanremo con un meraviglioso tailleur blu elettrico

La giovane cantautrice romana, in gara in coppia con Donatella Rettore, ha posato per la copertina di Sorrisi e Canzoni dedicata al Festival sfoggiando un completo giacca e pantaloni che ci ha fatto innamorare.

Pubblicato il 31 gennaio 2022
Moda

È tutto pronto: nella serata del primo febbraio prende il via l’edizione 2022 del Festival di Sanremo, e i fan non stanno davvero più nella pelle. Tra i Big in gara nella kermesse più famosa d’Italia c’è anche Ditonellapiaga, ventiquattrenne romana (al secolo Margherita Carducci) dal talento eclettico al suo esordio su un palco importante come quello dell’Ariston. Di lei colpisce, oltre alle innegabili doti canore, anche lo stile, come dimostra con il look scelto per apparire sulla copertina di Sorrisi e Canzoni dedicata al Festival.

Festival a cui la cantautrice partecipa in coppia con una delle signore della musica italiana, Donatella Rettore, la quale ha pubblicato su Instagram una breve intervista in cui Ditonellapiaga sfoggia un tailleur blu elettrico che ci ha fatto subito innamorare. La giovane cantante romana si prepara infatti per Sanremo con un completo giacca e pantaloni che unisce lo stile classico ad alcuni dettagli più moderni.

Il blazer è a doppiopetto, dal taglio piuttosto classico, ma arricchito da alcuni dettagli a contrasto, come le numerose asole con cuciture bianche che impreziosiscono i polsini e la chiusura della giacca. I pantaloni, invece, sono a zampa di elefante, più aderenti sulla coscia e larghi sul fondo, dove sono arricchiti da uno spacco che arriva fino a metà polpaccio. Al completo blu, poi, la cantante ha abbinato un paio di scarpe sabot nere, con la punta e il tacco squadrati.

Ditonellapiaga e Donatella Rettore si esibiscono nel corso della seconda serata del Festival, presentando il loro brano Chimica. Una canzone che porta sul palco dell’Ariston sonorità ispirate a Donna Summer e alla musica dance: “Con Donatella sento di condividere alcune tematiche, come quella del corpo, e anche un’ironia un po’ maliziosa che non guasta. La canzone che presenteremo musicalmente vive della mia epoca ma cerca anche un dialogo con quella di Rettore. Creando, mi auguro, un’ottima sinergia“, ha raccontato la cantante in un’intervista a Io Donna. E noi non vediamo l’ora di sentirle cantare.

Seguici anche su Google News!