Eva Henger, il tormento dopo l'incidente: "Piango per chi è morto"

L'attrice e il marito a fine aprile 2022 si sono salvati quasi per miracolo dopo un violento impatto frontale in auto: lei ancora non riesce a camminare ed è consapevole di dover affrontare un percorso lungo e faticoso, ma non dimentica chi ha perso la vita nello scontro.

Pubblicato il 24 giugno 2022
News

Sono ormai trascorsi quasi tre mesi dal brutto incidente in Ungheria in cui sono rimasti coinvolti Eva Henger e il marito Massimiliano Caroletti, ma non si può ancora dire che il peggio per lei sia del tutto passato. La showgirl, infatti, ha subito diverse fratture e non riesce ancora a camminare autonomamente, ma deve servirsi della sedia a rotelle.

Dimenticare quanto è accaduto, almeno per ora, per lei è impossibile, anzi continua a esserci un dolore fortissimo per le due persone che hanno perso la vita nell’impatto. “Io ancora piango spesso per tutto quello che è successo – ha detto in un’intervista a Novella 2000Mi viene in mente l’incidente, le due persone che non ci sono più. Mi dispiace tantissimo. Quando riuscirà a camminare e uscirò vorrei andare a porgere i fiori per loro e dire due parole”.

Una delle prime cose che l’ex attrice hard vorrà fare non appena starà meglio sarà quindi in un gesto tangibile nei confronti di chi non c’è più: “Non è importante di chi sia stata la colpa. Nessuno è uscito di casa con l’intento di fare del male a qualcuno. La cosa importante è che a questa tragedia abbiamo partecipato in quattro e ora in due non ci sono più”.

Riuscire a riprendersi completamente richiederà comunque un processo ancora lungo, pur essendo consapevole di quanto sia lei sia il compagno siano fortunati a essersi salvati:

“È stato stupendo vedere un miglioramento perché ci sono stati momenti bruttissimi di depressione e momenti di speranza, emozioni che andavano e venivano diverse. Ci sono giorni in cui ho dei dolori allucinanti, molto forti, e altri in cui ne ho molti meno. Per esempio a volte ho tanto dolore all’osso sacro e al bacino”.

Appoggiarsi alla fede permette così a entrambi di farsi forza nei momento più difficili: “Con mio marito ci siamo detti che come riusciremo andremo nuovamente alle Tre Fontane della Madonna. Andremo per ringraziare di essere ancora qui”, ha concluso.

Seguici anche su Google News!