Festival di Cannes 2020 posticipato a causa del Coronavirus, ipotesi estiva

L'ipotesi più probabile, come affermato dal presidente Pierre Lescure, è uno spostamento a cavallo tra la fine di giugno e l'inizio di luglio.

Pubblicato il 20 marzo 2020

È un evento epocale per il mondo del cinema, che potrebbe ritrovarsi senza uno degli eventi che contraddistinguono l’annata: il Festival di Cannes 2020 è stato ufficialmente rinviato a causa del Coronavirus, ma non è impensabile e catastrofico prevedere una cancellazione.

In questo tempo di crisi globale sanitaria, i nostri pensieri vanno alle vittime del COVID-19 ed esprimiamo la nostra solidarietà a tutti coloro che stanno combattendo la malattia. Oggi abbiamo preso la seguente decisione: il Festival di Cannes non potrà svolgersi nelle date programmate, dal 12 al 23 maggio“. Questo il messaggio che si legge sulla pagina ufficiale della kermesse.

Pierre Lescure, attuale presidente della manifestazione, aveva in precedenza rassicurato tutti i potenziali partecipanti, ma evidentemente una maggiore consapevolezza, anche da parte del governo francese che ha emanato nuove misure di sicurezza, ha fatto prevalere la cautela.

Rimangono aperte varie ipotesi, come scritto nel comunicato stampa: “La principale è un semplice rinvio, sempre a Cannes, alla fine di giugno – inizio di luglio 2020“. La direzione ha comunque fatto sapere che, una volta chiaro lo sviluppo della situazione in Francia nonché nel resto del mondo, verrà resa nota l’ipotesi più concreta a disposizione di tutti coloro che organizzano l’evento, intorno al quale girano varie centinaia di milioni di euro.

Nel frattempo, continua il comunicato, “il Festival di Cannes presta la propria voce a tutti coloro che chiedono il rispetto della quarantena generale e di dimostrare solidarietà in questi tempi difficili per il mondo intero“.

L’ipotesi di un rinvio estivo causerebbe comunque problemi non indifferenti ai festival maggiori che nel calendario cinematografico seguono quello francese: parliamo dello svizzero Locarno, che si dovrebbe tenere dal 5 al 15 agosto, e dell’italiano Venezia, prevista nel periodo che va dal 2 al 12 settembre. La distanza sempre più ravvicinata rappresenta chiaramente un disagio organizzativo sia per i giornalisti del settore che per le varie case di produzione, e non è impossibile che anche le due manifestazioni decidano di spostare i propri appuntamenti.

Storia

  • Festival di Cannes