Focaccia al rosmarino

Aggiornato il 10 luglio 2019
[INFORICETTA]

Una ricetta per una stuzzicante focaccia al rosmarino che potrete utilizzare per le cene in compagnia, magari davanti al camino.

La focaccia, come le pizze, sta ad indicare armonia, festa insieme, con familiari o amici. La focaccia fa sempre atmosfera. E poi non è molto calorica: la focaccia ha solo 480 calorie per porzione.
Costa, ovviamente, un po’ di fatica, ma il risultato ricompensa.

Un vecchio proverbio mantovano dice che la pasta, per la focaccia o per il pane, è pronta solo quando si rischia di inumidirla con il sudore. Questo detto non si riferisce, ovviamente, solo alla pasta che si fa in estate, ma è valido per tutte le stagioni, perché l’impasto dovrà essere uniforme e soffice come la pasta del pane.

Il vino

Dolcetto di Ovada Superiore o Ovada Docg. È un vino a tutto pasto e molto versatile, che si accompagna ottimamente ad antipasti a base di salumi; primi piatti con sughi di carne o tartufo, agnolotti, ravioli, taglierini, paste e risotti con sughi di carne o di funghi, polenta; piatti a base di funghi; carni bianche e rosse arrosto, in umido e selvaggina da pelo.

Ideale l’abbinamento con focacce, formaggi a pasta morbida se giovane. Dopo qualche anno di invecchiamento è adatto anche a piatti più robusti. Si consiglia di servirlo a 18-20°C.

Preparazione

  1. Tritate molto finemente il rosmarino. Mettete sulla spianatoia una piccola porzione di farina prelevata dalla dose e disponetela a fontana. Versate nel buco il lievito e qualche cucchiaio di acqua tiepida. Impastate bene fino a formare una palla. Versatevi sopra la farina rimasta formando un cono come una piccola montagna. Copritela con un panno e lasciatela riposare  per circa 4 ore.
  2. Passato questo tempo, fate di nuovo un buco al centro del cono di  farina, versatevi un paio di cucchiai di vino bianco, un cucchiaio di olio, il sale e il rosmarino tritato molto finemente e impastate il tutto senza stancarvi mai di lavorare, perché l’impasto dovrà essere uniforme e soffice come la pasta del pane. Quindi sappiate regolarvi e aggiungete altra acqua tiepida se fosse troppo dura o altra farina se fosse troppo molle. Riformate la palla, copritela, lasciatela riposare ancora per 3 o 4 ore, di più se si è inverno.
  3. Poi stendetela uniformemente in una teglia unta di olio. Ungete anche la superficie e infornate per il tempo necessario.
Foto: Shutterstock

Articolo originale pubblicato il 23 gennaio 2015

Seguici anche su Google News!

Storia

  • Ricetta del Giorno
  • Ricette di Dolci