Eurovision 2022: il commentatore per l'Ucraina al TG1 direttamente da un bunker

Durante il telegiornale di Francesco Giorgino dell'11 maggio 2022, è andato in onda un collegamento con Timur Miroshnychenko. Da Torino, si sono virtualmente stretti a lui Mika, Laura Pausini e Alessandro Cattelan.

Pubblicato il 12 maggio 2022
News

Un collegamento importante quello avvenuto durante il TG1 di Francesco Giorgino l’11 maggio 2022. Il telegiornale è riuscito a collegarsi con Timur Miroshnychenko, commentatore dell’Eurovision Song Contest 2022 per l’Ucraina (e presentatore dell’edizione del 2017), che si trovava al lavoro direttamente da un bunker. Un rifugio difensivo in tempo di guerra.

Queste le parole dell’uomo – che dal 2007 racconta l’Eurovision agli ucraini – alla televisione pubblica italiana:

Naturalmente non è così di lusso la situazione, è un po’ critica, però questo è un posto sicuro. Dal primo giorno dell’invasione russa le torri televisive hanno voluto proteggere le proprie trasmissioni. Le persone hanno dovuto ritirarsi nei bunker per continuare a svolgere il proprio lavoro”.

Sulla Kalush Orchestra, band rappresentante dell’Ucraina che sta riscuotendo molto successo al concorso canoro, Miroshnychenko ha commentato:

È molto importante. Sapete, dal giorno della guerra le orchestre e i musicisti si sono trovati in una situazione difficile. La Kalush Orchestra è diventata in qualche modo un simbolo dell’Ucraina. Hanno utilizzato il palco europeo per portare in giro la nostra musica. È un grande orgoglio. Noi aspettiamo la loro vittoria, prima di quella più grande della guerra”.

È stato poi realizzato un collegamento anche con i tre conduttori di Torino, che ospiteranno i prossimi appuntamenti della competizione il 12 e il 14 maggio.

È molto ispirante per noi vederti lì. È una cosa incredibile che noi siamo qui su questo palco e tu sei in un bunker”, ha esordito Mika. A cui è seguita Laura Pausini affermando:

L’immagine di noi che abbiamo questo palco dietro e Timur con quello sfondo racconta questa realtà. Vogliamo essere noi forti a darvi speranza. Vi mandiamo un abbraccio grandissimo. Mandiamo un abbraccio non solo all’Ucraina ma tutti i concorrenti, come Timur ha fatto per tanti anni. Sappiamo che questo luogo raccoglie musica, speranze, sogni”.

Alessandro Cattelan si è poi aggiunto dichiarando: “Non solo da parte di noi tre: qui tutto parla di vicinanza all’Ucraina”. Timur Miroshnychenko, infine, ha replicato:

Per me è un onore e un piacere essere con voi anche se a distanza. Speriamo di poterci vedere il prossimo anno, magari proprio qui in Ucraina”.

Seguici anche su Google News!