Tom Hardy irriconoscibile nel nuovo poster del film Capone

Il film verrà distribuito direttamente in streaming, con la modalità del noleggio digitale, ma sarà ugualmente candidabile ai premi Oscar.

Pubblicato il 4 maggio 2020

Non è ancora uscito, ma il film Capone si appresta già a essere uno dei più seri concorrenti per la corsa agli Oscar, se non altro per quanto riguarda la categoria del Miglior trucco. Sì, perché le prime immagini del biopic di cui è protagonista Tom Hardy lasciano intravvedere un lavoro di make-up accuratissimo e quasi espressionista.

Il fotografo Greg Williams, abituale ritrattista in bianco e nero della notte degli Oscar, ha infatti pubblicato alcune foto del dietro le quinte della pellicola, in cui è chiaro quanto sia stata studiata alla perfezione la metamorfosi dell’interprete nel leggendario gangster (a cura di Audrey Doyle).

L’attore 42enne ha inoltre pubblicato il nuovo poster ufficiale del film, che mostra la testa del protagonista quasi disintegrarsi, alludendo a uno scandaglio anche psicologico della complessa figura del criminale, morto a 48 anni a Palm Island, nel 1947.

Il film sarà disponibile per il noleggio digitale a partire dal 12 maggio, almeno per quanto riguarda gli Stati Uniti. Come già annunciato, l’assenza di una distribuzione fisica non comporterà l’ineleggibilità ai premi Oscar, in quanto il regolamento è stato cambiato appositamente per sopperire alla chiusura delle sale cinematografiche dovuta alla situazione d’emergenza provocata dal Coronavirus.

Visualizza questo post su Instagram

Capone May 12 Chasing Fonzo ♠️🔥

Un post condiviso da Tom Hardy (@tomhardy) in data:

Capone segue l’ultimo anno di vita del gangster, trascorso in Florida dopo aver passato 10 anni dietro le sbarre di un carcere. La sentenza comminata al famoso boss della mafia americana, condannato per evasione fiscale, fu di 11 anni, ma si procedette alla scarcerazione preventiva per le precarie condizioni di salute. Alphonse Gabriel “Al” Capone, detto anche Scarface, era infatti affetto da sifilide e gonorrea, malattie che provocarono anche un tracollo psicologico.

Il film è diretto, scritto e montato da Josh Trank, che da tempo era stato allontanato da Hollywood dopo il fallimento del reboot della saga dei Fantastici Quattro. Nel cast compaiono anche Linda Cardellini nei panni della moglie del gangster, Jack Lowden in quelli di un agente dell’FBI, mentre Matt Dillon e Kyle MacLachlan interpretano il ruolo di due amici del gangster.

Seguici anche su Google News!