Cambridge: ai robot-chef si insegnano i sapori dei cibi

Gli studiosi dell'Università inglese hanno messo a punto dei cuochi ipertecnologici che dopo aver cucinato, frullano il cibo imitando il processo di masticazione, e lo assaggiano a più riprese. In questo modo possono percepire i cambiamenti del gusto mentre cambia anche la consistenza.

Pubblicato il 6 maggio 2022
News

Si sa che ogni chef che si rispetti deve assaggiare il cibo prima di impiattarlo e portarlo a tavola. Esattamente nello stesso modo anche i cuochi robot messi a punto dall’Università di Cambridge vengono addestrati ad assaggiare le pietanze per valutarne, soprattutto, la sapidità.

I robot chef, dopo aver cucinato, frullano il cibo imitando il processo di masticazione, e a mano a mano fanno questa operazione lo assaggiano a più riprese. In questo modo si possono percepire i cambiamenti del sapore mentre cambia anche la consistenza. Secondo i ricercatori dell’Università questo è il modo giusto perché i robot possano migliorarsi autonomamente nella preparazione automatizzata dei cibi.

Il risultato di questo nuovo esperimento è stato pubblicato sulla rivista Frontiers in Robotics & AI dagli studiosi del Laboratorio di robotica bio-ispirata, che hanno anche pubblicato su YouTube il video degli chef ipertecnologici.Chi cucina a casa avrà familiarità con l’idea di assaggiare le pietanze durante la preparazione per valutare se i sapori si bilanciano correttamente”, ha affermato uno degli autori, Grzegorz Sochacki.

Se i robot verranno usati per la preparazione dei cibi, è importante che siano capaci di assaggiare quello che cucinano”, quindi se finora erano in grado di fare solo un boccone – spiega il co-autore Arsen Abdulali“Ora abbiamo provato a riprodurre un processo più realistico di masticazione e assaggio in un sistema robotico, cosa che dovrebbe portare ad avere un prodotto finale più gustoso”.

Nel loro studio, i ricercatori hanno dotato il robot chef di un sensore di conduttanza in grado di valutare la salinità e lo hanno messo testato facendogli provare nove piatti di uova strapazzate conditi con diverse quantità di sale e pomodori. Per riprodurre il cambiamento dei sapori che avviene con la masticazione, le uova sono state frullate diverse volte. Il robot le ha assaggiate e ha annotato tutti i cambiamenti, dimostrando di poter valutare la sapidità dei cibi con molta accuratezza.

Seguici anche su Google News!