Da Il Colore Viola a Ghost: ecco i film più belli di Whoopi Goldberg

È nata il 13 novembre del 1955 ed è la seconda afroamericana ad aver vinto un Oscar dopo McDaniel di Via col vento. Inoltre, è una delle pochissime attrici a essere diventata una EGOT, cioè aver ricevuto i quattro premi dell'intrattenimento made USA.

Pubblicato il 13 novembre 2021
News

Dici Whoopi Goldberg e subito nella testa passano almeno due immagini, o meglio due film. Ghost e Sister Act. Per chi è cresciuto tra gli Anni ‘80 e ‘90 quest’attrice, nata il 13 novembre del 1955, è una leggenda. È una delle poche celebrità ad aver conseguito un EGOT, ossia aver vinto i quattro premi principali nell’ambito dell’intrattenimento made USA: un Emmy, un Grammy, un Oscar ed un Tony Award.

Sister act, il musical: Whoopi Goldberg alla prima

Ha vinto l’Oscar come Miglior attrice non protagonista per Ghost – Fantasma ed è stata la seconda donna afroamericana ad aver ottenuto questo premio dopo Hattie McDaniel. Inoltre vanta due Golden Globe, due Emmy Award, un Saturn Award, quattro People’s Choice Awards, cinque Kids’ Choice Awards, sette Image Awards, due Drama Desk Awards e un Bafta. Nel 2002 le è stata assegnata una stella nella Hollywood Walk of Fame.

Al secolo Caryn Elaine Johnson, sale sul palcoscenico all’età di otto anni, debuttando al teatro Helena Rubinstein Children’s di New York. Capisce di volere un futuro nella recitazione guardando la serie televisiva Star Trek. Per mantenersi lavora come muratrice, lavapiatti e truccatrice per un’azienda di pompe funebri. Nel frattempo cambia il nome in Whoopi e assume il cognome della madre. All’inizio degli Anni ’80 durante lo spettacolo teatrale Spook Show, viene notata da Mike Nichols, che la porta a Broadway.

Nel periodo di Broadway cattura l’attenzione di Steven Spielberg che nel 1985 le offre la parte di protagonista ne Il colore viola. Un intenso ritratto di una donna afroamericana, Celie Harris, nel Sud degli Stati Uniti di inizio ‘900. Il film ricevette undici nomination agli Oscar, compresa una alla Goldberg come attrice protagonista, senza vincerne però nessuno.

Con il personaggio della sensitiva Oda Mae Brown in Ghost ottiene consensi di critica e pubblico, tanto che nel 2008 Premiere Magazine la classifica al 95esimo posto tra le cento più grandi interpretazioni di tutti i tempi. Il ruolo le fruttò un meritato Oscar come Migliore attrice non protagonista. Quando la Goldberg ritirò la statuetta, erano passati cinquant’anni dalla vittoria di Hattie McDaniel in Via col vento, quindi mezzo secolo che una donna di colore non vinceva.

Con la pellicola La lunga strada verso casa, racconta uno dei più celebri episodi della lotta per i diritti civili dei neri. Whoopi interpreta una donna afroamericana, Odessa Cotter. Per andare a lavoro come domestica in una casa di ricchi bianchi, deve affrontare una lunga camminata e non può prendere l’autobus perché i neri stanno boicottando il sistema di trasporto pubblico per lottare contro la segregazione razziale.

Il ruolo più celebre e amato di Whoopi Goldberg è sicuramente quello di Maria Claretta in Sister Act, in cui interpreta la testimone di un delitto che viene nascosta in un convento di suore. Qui, grazie al suo passato da cantante, prende le redini del coro e aiuta le sorelle a ripulire il vicinato dalla criminalità attirando i giovani in chiesa.

Seguici anche su Google News!