Due diete dimagranti iperproteiche come la dieta Atkins e la dieta Dukan potrebbero aumentare il rischio di infarto: questo quanto emerso da una ricerca condotta presso l’Università di Atene, che sostiene come i maggiori rischi di attacchi al cuore provengano dall’eccessivo consumo di proteine a discapito dei carboidrati che regimi alimentari del genere propongono per perdere peso.

Mangiare infatti troppe proteine in una dieta dimagrante ed escludere, del tutto o quasi, i carboidrati, aumenterebbe di un quarto le possibilità di essere colpiti da gravi disturbi cardiaci. Lo studio mirato a evidenziare i pericoli derivanti dalla dieta Atkins e dalla dieta Dukan, ma anche da tutte quelle diete iperproteiche, è stato condotto su un campione di 43 mila donne dall’età compresa fra i 30 e i 49 anni, e i risultati pervenuti sono piuttosto chiari.

Chi tra queste donne seguiva una dieta dimagrante ricca di proteine, derivanti da carne e pesce, ma povera di carboidrati (e dunque di pasta, riso, pane e via dicendo), aveva circa il 28% di possibilità in più di avere un infarto anche in giovane età. Si pensa dunque che chi si ciba di troppe proteine e di pochissimi carboidrati rischi il 25% in più di avere problemi a livello cardiaco.

Ciò evidenzia la necessità di seguire una dieta dimagrante equilibrata che comprenda tutti i nutrienti necessari a mantenersi in buona salute: non si deve scegliere tra proteine e carboidrati, ma mangiare un po’ di tutto, senza eliminare nulla dall’alimentazione quotidiana.

Spiega Victoria Taylor, nutrizionista della British Heart Foundation, che «l’ideale è inserire nella propria alimentazione proteine magre e formaggi a basso contenuto di grassi, carboidrati integrali e ricchi di fibre e frutta e verdura, insieme a pochi grassi salutari come quelli contenuti nell’olio d’oliva e nel pesce». Senza dimenticare un po’ di sana attività fisica quotidiana e di bere tanta acqua, che aiuta a eliminare la ritenzione idrica, ma evitando di seguire dieta Atkins e dieta Dukan, quest’ultima peraltro sotto accusa diverse volte dai medici che hanno spesso contestato il metodo proposto da Pierre Dukan, l’ideatore di questo regime alimentare ipocalorico.