La ritenzione idrica è un problema piuttosto diffuso che colpisce circa il 30% delle donne italiane, causando un accumulo di liquidi nel corpo su alcune zone importanti come pancia, cosce, glutei, braccia e caviglie. È un disturbo da contrastare con ogni mezzo a nostra disposizione.

Cause della ritenzione idrica

La ritenzione idrica può innanzitutto essere di quattro tipi, con diverse cause:

  • Ritenzione idrica alimentare, causata da uno stile alimentare errato, magari troppo ricco di sale, o da una possibile intolleranza al lattosio
  • Ritenzione idrica secondaria, legata a patologie ai reni, al cuore, al fegato o ancora alla vescica
  • Ritenzione idrica da farmaci, quindi derivante dal loro abuso
  • Ritenzione idrica circolatoria, dovuta a un cattivo funzionamento della circolazione corporea.

La causa più frequente della ritenzione idrica è quella alimentare. Sovrappeso, intolleranza al lattosio e in generale una dieta non corretta possono portare facilmente a questo disturbo. Provate a fare questo semplice test: basta premere con il pollice su una parte della coscia per un po’ di secondi. Se togliendo il dito l’impronta è rimasta ed è ancora molto visibile, allora si soffre probabilmente di ritenzione idrica.

Rimedi per la ritenzione idrica

Per porre rimedio al problema della ritenzione idrica si consiglia di curare di più il proprio stile di vita, seguendo questi consigli che vanno bene per qualunque persona.

  • Bere molta acqua, almeno un litro e mezzo o meglio due litri al giorno
  • Evitare i cibi salati
  • Eumentare il consumo di frutta e verdura
  • Prediligere le verdure ricche di vitamina C come lattuga, cavolfiore, cavolo, peperoni, sedano e broccoli
  • Quando possibile, mangiare le verdure crude. Quindi via libera alle insalate miste
  • Ridurre drasticamente l’uso dei carboidrati raffinati e sostituirli con i cereali, meglio se integrali
  • Evitare le bibite zuccherate e i succhi di frutta già pronti
  • Evitare caffè, alcolici e fumo
  • Aiutare il corpo con le tisane
  • Fare spesso un po’ di sana attività fisica. Va bene anche una camminata veloce di almeno 40 minuti al giorno.

Se con uno stile di vita sano e salutare non si riesce a combattere la ritenzione idrica, probabilmente la sua causa sarà un’altra e pertanto è consigliabile rivolgersi a uno specialista.