La pericolosa caravella portoghese ha raggiunto il Mar Mediterraneo: quali sono i rischi per l'uomo?

La caravella portoghese, particolare celenterato marino e originaria dell'Oceano Atlantico, è arrivata nel bacino mediterraneo e, in particolare, lungo le coste dell'Italia centrale e meridionale. Ma perché è così pericolosa? Quali rischi comporta per la salute dell'uomo?

Pubblicato il 20 luglio 2022
News

La caravella portoghese, conosciuta anche con il nome scientifico Phisalia phisalis, è una delle cinque meduse più pericolose presenti nel bacino mediterraneo.
Originaria dell’Oceano Atlantico, la caravella portoghese è in realtà non una medusa ma un sifonoro, ed è stata avvistata sempre più frequentemente lungo le coste italiane; pur avendo un corpo relativamente piccolo (al massimo 30 cm), possiede i tentacoli più lunghi del mondo che, fortemente urticanti, possono raggiungere una lunghezza pari a 20 m negli esemplari più grandi o 10 m in quelli di medie dimensioni.

Una delle maggiori curiosità legate alla caravella portoghese è principalmente associata al suo corpo, dotato di una sacca contenente gas che le consente di galleggiare, e di una sorta di vela violacea che le permette di spostarsi in balia di venti e correnti marine.
A un primissimo colpo d’occhio la caravella portoghese potrebbe essere scambiata per un sacchetto di plastica galleggiante: un aspetto decisamente innocuo rispetto a quello infinitamente più spaventoso e inquietante di altre creature marine come, per esempio, gli squali.

Pur trattandosi di una delle 5 meduse più pericolose presenti nel Mar Mediterraneo, è bene puntualizzare che si tratta di un celenterato con un potere decisamente urticante ma tendenzialmente non letale: solitamente, infatti, una caravella portoghese può provocare delle ustioni ma solo in rari casi può causare uno choc anafilattico.
Qualora si dovesse entrare in contatto con questo particolare organismo marino è consigliata l’applicazione immediata, sulla zona interessata, di aceto di vino, o comunque di acido acetico.

 

Seguici anche su Google News!