Clizia Incorvaia e Paolo Ciavarro nel mirino di una stalker

La coppia ha denunciato la mitomane alle forze dell’ordine. Tramite il profilo dell’influencer hanno avvisano: “Adesso basta, di fronte alla sua continua violenza verbale e ossessione abbiamo finalmente rintracciato il profilo”.

Pubblicato il 28 maggio 2022
News

Clizia Incorvaia e Paolo Ciavarro nel mirino di una mitomane. La coppia nata al Grande Fratello Vip quattro, si è fatta apprezzare dal pubblico televisivo grazie alla loro vera storia d’amore. Infatti, da qualche mese è arrivato anche il loro primo figlio, il piccolo Gabriele e sembrano essere più felici e uniti che mai.

Visualizza questo post su Instagram

Un post condiviso da Clizia Incorvaia (@cliziaincorvaia)

Purtroppo, come tante altre celebrità del mondo dello spettacolo anche Clizia Incorvaia e Paolo Ciavarro si sono trovati a fare i conti con una vera e propria mitomane che non avrebbe dato loro pace con continui messaggi via tramite i profili social. La coppia d’innamorati ha denunciato l’accaduto alle forze dell’ordine, che hanno già individuato la persona in questione. Tramite le stories di Instagram, l’influencer ha parlato della situazione ai suoi fan.

“Adesso basta, di fronte alla sua continua violenza verbale e ossessione abbiamo finalmente rintracciato il profilo. E sarà molto grave la pena a cui sarà sottoposta”.

La mitomane non si è fermata neanche durante il viaggio romantico a Parigi che hanno trascorso come una coppietta di innamorati alla prima vacanza insieme.  Anche Oltralpe vengono raggiunti dagli stalker e così ecco che l’ex gieffina mette in guardia.

“I nostri avvocati hanno preso provvedimenti seri nei confronti della mitomane che si rinnova sotto vari profili”.

Visualizza questo post su Instagram

Un post condiviso da Clizia Incorvaia (@cliziaincorvaia)

Pare che si tratti di donna ossessionata dalla coppia che non ha mai smesso di dare tormento, attraverso numerosi profili social creati ad hoc e tramite la casella postale dei vip. I due si sono visti costretti a prendere delle contromisure, rivolgendosi alla polizia.

Seguici anche su Google News!