Eros Ramazzotti cancella il live a Los Angeles per tornare a casa

L'emergenza Coronavirus ha causato l'ennesima cancellazione di un concerto, ma questa volta si tratta di una decisione presa col cuore.

Pubblicato il 11 marzo 2020

Anche Eros Ramazzotti ha dovuto capitolare di fronte alla grande epidemia di Coronavirus, che d’altro canto ha già mietuto “vittime” nel mondo dello spettacolo come Madonna, Miley Cyrus e addirittura il festival Coachella. Il cantante italiano noto in tutto il mondo ha infatti deciso di annullare l’ultima tappa del suo Vita Ce N’è World Tour, fissata a Los Angeles per il 13 marzo.

Iniziata il 14 febbraio dell’anno scorso, la tournée mondiale è durata 14 mesi e ha portato l’artista e tutta la sua crew in giro per tutto il globo. Ma proprio pensando ai suoi cari, e a quelli di coloro che lavorano con lui e per lui, Ramazzotti ha preso una decisione sicuramente molto sofferta.

Lo ha confermato lo stesso cantante su Instagram, dove ha pubblicato un post esplicativo: “Per questo ultimo leg in Nord e Sud America, siamo fuori da gennaio. Sono settimane che qui oltre oceano si rincorrono le voci di quanto sta accadendo in Italia. Adesso che con il nuovo decreto le misure di contenimento si sono ulteriormente inasprite, non ce la siamo sentiti di chiedere a tutti i nostri di restare ancora fuori. È un sacrificio troppo grande stare a migliaia di chilometri dai nostri cari.

Non poteva però mancar al pubblico americano, deluso dall’impossibilità di assistere al tanto atteso concerto del beniamino italiano: “Purtroppo il nostro Vita Ce N’è World Tour non farà tappa a Los Angeles il prossimo venerdì . Tutti desideriamo tornare a casa per stare insieme alle nostre famiglie, ai nostri concittadini per lottare contro questa situazione allucinante. Ci dispiace tanto ma torneremo presto e grazie per la vostra comprensione“.

La chiusura del tour è quindi da considerarsi quella del concerto di Montreal, presso il Place Belle, che aveva seguito il grande successo ottenuto a Toronto, dove erano presenti ben 13mila persone ad applaudire il cantante.

Visualizza questo post su Instagram

Per questo ultimo leg in Nord e Sud America, siamo fuori da gennaio . Sono settimane che qui oltre oceano si rincorrono le voci di quanto sta accadendo in Italia. Adesso che con il nuovo decreto le misure di contenimento si sono ulteriormente inasprite, non ce la siamo sentiti di chiedere a tutti i nostri di restare ancora fuori. E’ un sacrificio troppo grande stare a migliaia di chilometri dai nostri cari. Purtroppo il nostro Vita ce n’è world tour non farà tappa a Los Angeles il prossimo venerdì . Tutti desideriamo tornare a casa per stare insieme alle nostre famiglie, ai nostri concittadini per lottare contro questa situazione allucinante. Ci dispiace tanto ma torneremo presto e grazie per la vostra comprensione” EROS ❤️ .. . #iorestoacasa #erosramazzotti #vitacenèworldtour #For this last leg in North and South America, we’re away from home since January. It’s been weeks since we’ve heard several news about what is happening in Italy. And now that containment measures are even stricter as a consequence of this new decree, we really didn’t feel like calling on our team to stay outside for a while longer. Staying thousands of miles away from our nearest and dearest, that was a too big sacrifice. Unfortunately, our Vita Ce N’é World Tour won’t be in Los Angeles for our scheduled tour stop this Friday. We all want to go home to be with our families and our fellow citizens to fight against this serious situation. We are so sorry but we will be back soon. Thanks for your understanding.

Un post condiviso da Eros Ramazzotti (@ramazzotti_eros) in data:

Credits foto:

  • shutterstock