Volodymyr Zelensky ai Grammy: "Riempite il silenzio della guerra con la musica"

Il presidente ucraino è intervenuto a sorpresa durante la cerimonia, per lanciare un messaggio molto potente: "La guerra. Cosa può esserci di più opposto alla musica?".

Pubblicato il 4 aprile 2022
News

Era atteso alla cerimonia degli Oscar, ma il presidente dell’Ucraina Volodymyr Zelensky è intervenuto, a sorpresa, durante i Grammy Awards 2022. Un video in cui ha lanciato un messaggio potentissimo: la guerra porta il silenzio della morte e della distruzione; un silenzio che può essere annullato grazie alla musica.

“La guerra. Cosa ci può essere di più opposto alla musica? Il silenzio di città in rovina e di persone decedute. I nostri piccoli disegnano razzi che cadono su di noi e non stelle cadenti. Più di 400 bambini sono stati gravemente feriti e più di 150 sono stati uccisi. E non li vedremo mai più disegnare. I genitori sono felici di svegliarsi ogni mattina, per quanto sotto i bombardamenti, ma comunque vivi. I nostri cari non sanno se si rivedranno e staranno ancora insieme. La guerra non ci dà la possibilità di decidere chi sopravvive e chi resta nell’eterno silenzio. I nostri musicisti mettono il giubbotto antiproiettile invece dello smoking. Cantano per i feriti. Negli ospedali. Anche per quelli che non li possono sentire. Ma la musica riesce a sfondare comunque”.

Zelensky ha poi voluto lanciare un appello importante, chiedendo a chiunque fosse in ascolto di supportare l’Ucraina e il suo popolo, di contribuire alla corretta informazione riguardo al conflitto con la Russia, di aiutare in qualunque modo:

“Noi difendiamo la nostra libertà di vivere, di amare e anche di suonare. Sulla nostra terra combattiamo la Russia che ha portato un orribile silenzio con le sue bombe. Il triste silenzio della morte. Riempite questo silenzio con la vostra musica. Riempitelo adesso. Raccontate le nostre storie. Raccontate a tutti la verità su questa guerra, fatelo sui social network, in televisione, ovunque. Supportateci in qualsiasi modo possibile. In tutti i modi, ma non con il silenzio. Poi arriverà anche la pace in tutte le città distrutte da questa guerra”.

Alla fine dell’intervento del presidente ucraino, è salito sul palco dei Grammy John Legend, che ha cantato Rain down freedom until we’re all free. Ad accompagnarlo due musiciste ucraine, Mika Newton and Suzanna Iglidan, insieme alla poetessa Lyuba Yakimchuk.

Seguici anche su Google News!