Julianne Moore presidente di giuria della Mostra del Cinema di Venezia

L'artista 61enne, apprezzata a Hollywood per la sua versatilità che le ha permesso di interpretare ruoli differenti sia al cinema sia in Tv, ha conquistato nel 2002 il titolo come miglior attrice per Lontano dagli occhi.

Pubblicato il 16 luglio 2022
News

Julianne Moore è stata scelta come presidente della Giuria Internazionale del Concorso della Mostra del Cinema di Venezia, in programma dal 31 agosto al 10 settembre 2022. L’attrice statunitense avrà così il compito, insieme agli altri membri, di scegliere a chi assegnare il Leone d’oro per il miglior film e gli altri premi ufficiali.

Al suo fianco ci saranno il regista argentino Mariano Cohn, il regista di Ariaferma Leonardo Di Costanzo, la regista del Leone d’oro dello scorso anno la francese Audrey Diwan, l’attrice iraniana Leila Hatam, il regista giapponese Kazuo Ishiguro e lo spagnolo Rodrigo Sorogoyen.

A prendere la decisione è stato il CDA della Biennale di Venezia, che ha accolto la proposta che era arrivata Direttore artistico del Settore cinema Alberto Barbera.

Tra i riconoscimenti che vengono insigniti nel corso della manifestazione c’è anche la Coppa Volpi per le migliori interpretazioni maschili e femminili.

Moore conosce bene l’atmosfera che si respira in Laguna. Proprio qui nel 2002 ha conquistato il titolo di miglior attrice grazie alla sua interpretazione in Lontano dal paradiso.

vene

Nel suo curriculum ci sono anche il Premio Oscar, il Bafta e l’ Emmy per la sua interpretazione nel film Still Alice, del 2014. L’artista può vantare anche un altro primato importante: è stata infatti la prima attrice americana a essere premiata con i massimi premi per l’interpretazione ai Festival di Berlino (The Hours, 2002), Cannes (Maps to the Stars, 2014) e Venezia (Lontano dal paradiso, 2002).

La 61enne a Hollywood è apprezzata per la sua versatilità, caratteristica che le ha permesso di interpretare ruoli differenti tra loro sia al cinema e in Tv, oltre a essere considerata una vera e propria icona per il pubblico queer. Da tempo si sta impegnando in prima persona dei temi cari alla comunità Lgbt+ per poter arrivare al riconoscimento di diritti per loro importanti. Nel 2017, invece, ha affiancato la cantante SIA e la collega Zoe Saldana nel video musicale di Free Me, realizzato per promuovere la sensibilizzazione sull’HIV e e raccogliere fondi per l’associazione #endHIV.

Seguici anche su Google News!