Coq au vin alla borgognona: oggi si mangia francese

Aggiornato il 10 luglio 2019
[INFORICETTA]

Un secondo piatto degno delle feste di fine anno. Si sta un po’ di più in cucina, ma a tavola il successo è assicurato. E poi fa atmosfera…
Il coq au vin alla borgognona in realtà è il nostro pollo trattato un po’ con i guanti gialli.
È possibile comunque spaziare fra le varie ricette per la preparazione del pollo. Il pollo alle banane, ad esempio, un tipico piatto della Guinea (oggi siamo proprio sull’esotico).
E ancora il pollo con verdure tricolore gratinate al forno, una ricetta semplice ma gustosa.
Il vino
Il Bardolino Superiore
un eccellente vino a tutto pasto
generalmente si abbinaa piatti saporiti e profumati:
primi piatti al ragù, minestre di legumi, arrosti di carne rossa
e carne di maiale, selvaggina in umido
e formaggi stagionati e stravecchi.
Abbinamenti e temperatura di servizio
Si serve alla temperatura di 18°C.

Preparazione

Tagliate il pollo a pezzetti regolari, riuniteli in un piatto insieme alle rigaglie ma senza il fegato, conditeli con sale e pepe macinato alò momento. Dopo aver tagliato a dadi la pancetta, versatela in una piccola casseruola con l’acqua a bollore e tenetela per 5 minuti, poi sgocciolatela. Rosolate poi la pancetta nel burro scaldato in una capace casseruola. Quando la pancetta è leggermente dorata, sgocciolatela con una paletta forata, mettetela in un piatto e tenetela da parte. Fate rosolare nello stesso grasso prima gli champignon affettati, poi le cipolline dopo averle scottate per 5 minuti in acqua bollente. Recuperate gli champignon e le cipolline con parte del sugo di cottura e uniteli alla pancetta, tenendoli da parte al caldo. Ora mettete a rosolare in una casseruola i pezzi di pollo infarinati, fateli dorare da ogni lato a calore moderato insaporendo con l’aglio tritato, poi bagnate con il vino e portate a bollore, mescolando spesso. Aggiungete il mazzetto di erbe odorose (prezzemolo, timo, una foglia di alloro), i pezzi di pancetta, le cipolline e gli champignon, unite brodo di pollo quanto ne serve per coprire a filo, incoperchiate e passate in forno, a calore moderato, per 45 minuti. Sgocciolate il pollo e le cipolle, i funghi e la pancetta, sistemateli in un piatto di portata da tenere al caldo. Su fiamma vivace fate bollire la salsa di cottura, aggiungete 50 g di burro impastato con la farina e cuocete a fuoco dolce finché il sugo si addensa, regolate di sale, quindi versate la salsa sul “coq” Scaldate il cognac e versatelo sul pollo, lasciandolo evaporare e servite. photo credit: dr. muerte se come el mundo via photopin cc

Tagliate il pollo a pezzetti regolari, riuniteli in un piatto insieme alle rigaglie ma senza il fegato, conditeli con sale e pepe macinato alò momento. Dopo aver tagliato a dadi la pancetta, versatela in una piccola casseruola con l’acqua a bollore e tenetela per 5 minuti, poi sgocciolatela. Rosolate poi la pancetta nel burro scaldato in una capace casseruola. Quando la pancetta è leggermente dorata, sgocciolatela con una paletta forata, mettetela in un piatto e tenetela da parte. Fate rosolare nello stesso grasso prima gli champignon affettati, poi le cipolline dopo averle scottate per 5 minuti in acqua bollente. Recuperate gli champignon e le cipolline con parte del sugo di cottura e uniteli alla pancetta, tenendoli da parte al caldo. Ora mettete a rosolare in una casseruola i pezzi di pollo infarinati, fateli dorare da ogni lato a calore moderato insaporendo con l’aglio tritato, poi bagnate con il vino e portate a bollore, mescolando spesso. Aggiungete il mazzetto di erbe odorose (prezzemolo, timo, una foglia di alloro), i pezzi di pancetta, le cipolline e gli champignon, unite brodo di pollo quanto ne serve per coprire a filo, incoperchiate e passate in forno, a calore moderato, per 45 minuti. Sgocciolate il pollo e le cipolle, i funghi e la pancetta, sistemateli in un piatto di portata da tenere al caldo. Su fiamma vivace fate bollire la salsa di cottura, aggiungete 50 g di burro impastato con la farina e cuocete a fuoco dolce finché il sugo si addensa, regolate di sale, quindi versate la salsa sul “coq” Scaldate il cognac e versatelo sul pollo, lasciandolo evaporare e servite. photo credit: dr. muerte se come el mundo via photopin cc

Articolo originale pubblicato il 24 dicembre 2014

Seguici anche su Google News!

Storia

  • Ricetta del Giorno