Ricetta timballo di riso con fegatini

Ricetta timballo di riso con fegatini

TEMPO PREPARAZIONE E COTTURA:
1 ORA CIRCA

PER PORZIONE:
CALORIE 605

PREPARAZIONE
Per iniziare a preparare il timballo di riso al forno con fegatini, tagliate finissima la cipolla e fatela soffriggere in burro abbondante. Aggiungete il riso e fatelo insaporire, bagnate con mezzo bicchiere di vino bianco secco, alzate la fiamma e fate evaporare.
Continuate la cottura del riso aggiungendo brodo bollente per circa 15 minuti.
In un tegame a parte fate rosolare con burro e salvia i fegatini ben puliti e tagliati a pezzetti, spruzzate con una o due cucchiaiate di brandy e mezza tazza di acqua, un pizzico di sale e un po’ di pepe e lasciate cuocere a fuoco lento per una decina di minuti.
Aggiungete ora i piselli e fateli insaporire nel sugo dei fegatini.
Prima di togliere il risotto dal forno controllate la cottura, aggiungete lo zafferano e due cucchiai di formaggio grattugiato, mantecando bene. Ungete una pirofila e stendete metà del risotto, versate i piselli e i fegatini, il gruviera a dadini e ricoprite con il risotto rimasto.
Cospargete la superficie di formaggio grattugiato e fiocchetti di burro. Passate in forno già caldo a cuocere per una ventina di minuti finché sulla superficie non si sarà formata una crosticina croccante e dorata.

DOSI PER 4 PERSONE

INGREDIENTI
200 g. di riso tipo parboiled
100 g. di burro
200 g. di fegatini di pollo
1 scatola di piselli fini
1 cipolla – 1 dado
100 g. di gruviera
1 bustina di zafferano
sale – pepe – salvia
formaggio grattugiato abbondante
brandy – vino bianco secco

VINI CONSIGLIATI
SANVITO DI LUZZI ROSA
TRENTINO PINOT NERO RISERVA
MATINO (Puglia)

SANVITO DI LUZZI ROSA
Aree di produzione: Calabria – affinamento: gennaio dell’anno successivo a quello di vendemmia – abbinamento consigliato: SALUMI, MINESTRE IN BRODO E ASCIUTTE, CARNI BIANCHE, FORMAGGI MOLLI E SEMIDURI – colore: rosa più o meno carico – odore: gradevole, delicato,tipico – vitigni: gaglioppo min (70%)ammessi altri vitigni autorizzati (max30%) – sapore: tipico, delicato – grad. alcolica min. 11°.

TRENTINO PINOT NERO RISERVA
Aree di produzione: Trentino pr. TN – affinamento: 2 anni obbligatori quindi fino a 4 anni
caratteristiche: fermo – abbinamento consigliato: CARNE – colore: rubino più o meno intenso – odore: delicato gradevole tipico – vitigni: pinot nero (85%-100%) – sapore: piacevolmente amarognolo con sentore di legno asciutto – gradazione alcolica minima 12°.

MATINO (Puglia)
Viene prodotto nella provincia di Lecce in due qualità: rosato o rosso. Il tipo rosato: colorazione rosa intenso, profumo leggermente vinoso, sapore secco, caratteristico (gradi 11,5); adatto (a 14/15° di temperatura di servizio) CON SALUMI CRUDI, VERDURE LAVORATE, CARNI BIANCHE, ALLA GRIGLIA. il tipo rosso: rubino e tendente all’aranciato se ben invecchiato, profumo vinoso, sapore asciutto (gradi 11,5/12°).

Informazioni utili